lunedì 8 dicembre 2014

L'agenda di Hollande mi fa un baffo!

Natale è sempre un periodo molto complicato, ci sono mille cose da fare, da organizzare, da pensare...Questo normalmente, poi si decide di avere figli, che vanno all'asilo o a scuola e si scatena l'inferno! (Sì, lo so inferno e Natale sono due concetti che non dovrebbero stare nella stessa frase, ma continuate a leggere e capitemi!)
Ci sono feste della scuola e qui generalmente chiedono di portare ognuno qualcosa...posso io, che adoro cucinare in particolare i dolci, esimermi dal creare un vero e proprio laboratorio di pasticceria casalingo? Eh no, quindi atto primo tirare fuori tutte le chincaglierie da cucina con tema natalizio che stazionano da una settimana sulla credenza, atto secondo pensare a cosa fare e quindi stilare la lista di quello che manca, atto terzo farlo, possibilmente non con troppo anticipo per mantenere la freschezza del prodotto.
Ah, non dimentichiamo che ci sono anche le torte del venerdì, quelle di cui ho parlato qui, che guarda caso per la classe della Belva cascano proprio prima delle feste...tanto per tenermi un po' impegnata...
Poi ci sono i regali da pensare, da andare a comprare (e qui scatta pure il piano di organizzazione con il marito che vuole ovviamente essere presente, ma che lavora...o almeno ci prova...), da nascondere, da infilare in macchina e portare a casa dei miei, da incartare e infine sistemare sotto l'albero.
C'è ovviamente l'albero, da comprare, da decorare, insieme a tutto il resto della casa, gli adesivi alle finestre che vogliono mettere i nani e che alla fine mi ritrovo tutti ad altezza nanesca, e possibilmente fare tutto in pieno clima natalizio, senza litigi, urla e con musichine di sottofondo...a me non riesce mai, sicuramente qualcosa salta, normalmente le urla sono sempre presenti! Soprattutto quando il Navigante ti molla il venerdì da sola, giorno super pieno, con l'albero da fare, i nani a casa, il Vitellino che inciampa sulle luci dell'albero e le fa saltare in aria, il gatto impazzito che non fa altro che saltare dentro l'albero!
E poi c'è anche Capodanno, qualche giorno da passare sulla neve con due coppie di amici italiani con cui abbiamo condiviso moltissimo quando vivevamo a La Spezia, c'è l'organizzazione per quei giorni, per i vestiti da portare, per i regali da fare, come c'è l'eccitazione di rivedersi ancora una volta tutti insieme.
E infine ci sei anche tu, ci sono i saluti ad amiche che se ne vanno e che non sai quando rivedrai, c'è la solita breakfast con le alleate ma per Natale la si fa a casa di una di noi, non al bar, e ognuna porta qualcosa (obviously!!), c'è la palestra che vuoi continuare a fare fino a prima della partenza, c'è un garage mezzo allagato da sistemare, c'è un Navigante con cui passare un po' del tuo tempo.
Amo il Natale, lo amo sul serio, ma ora come ora vorrei solo distendermi a letto e non alzarmi fino all'anno nuovo!

14 commenti:

  1. Aspetta di avere le recite scolastiche...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah!!! Lo so, non c'è mai fine al peggio!

      Elimina
  2. Quante cose da fareeeeeeeeeeeeeeee
    Una alla volta, una alla volta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco sì, questo sarebbe il piano, il problema è quando mi ritrovo ad avere le feste accavallate O_o

      Elimina
  3. Quando ti sdrai avvertimi!
    Vengo pure io e ci facciamo compagnia: il 25 raccoglieranno i miei cocci....

    RispondiElimina
  4. il concetto di alleate mi piace tantissimo, dovresti scriverci un post a parte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao vale, come stai??
      In realtà il concetto di alleate deriva dal fatto che siamo tutte mogli di militari che qui lavorano per la NATO = nazioni alleate, da cui i militari alleati e quindi le mogli alleate :D Spirito spicciolo militare!!! Le definisco anche army wifes, ma è troppo banale, ehehe!!
      Ne parlerò, perchè in effetti siamo un bel gruppo e mi hanno supportato molto.

      Elimina
  5. Maroooo! Che stress! ! Pensa che io ho dovuto cucire un ucello per l'asilo. ..MA SE IO I BOTTONI NON LI SO CUCIRE! Pensa un ucello...hahhah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, mi aggrego, tutto ma non fatemi cucire!!!

      Elimina
  6. Coraggio che insieme al grande lavoro ci saranno anche bellissimi momenti!
    Poi gennaio di riposo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono, ci sono...la fatica porta sempre ottimi risultati! E poi a fine gennaio riposo...ai Caraibi!!!!!

      Elimina
  7. Oh quanto ti capisco! Io mi buttero' sul divano insieme a te e spero di rialzarmi dopo Santo Stefano! :) Un abbraccio!

    RispondiElimina

I commenti sono graditissimi, se firmati ancora di più!