martedì 30 novembre 2010

Come sconfiggere le nausee gravidiche

Le nausee, questo bel sintomo che ti fa passare i primi mesi di gravidanza in uno stato di continuo malessere, a cui sembra non poter porre rimedio se non crustando in continuazione craeckers, pane, biscotti, che poi magari ti rimangono pure sullo stomaco. Le chiamano mattutine, ma in realtà possono essere presenti anche 24 ore su 24, a causa degli ormoni della gravidanza a cui il corpo non è abituato.
Ma tanto alla dodicesima settimana passano. E tu sei lì che conti i giorni, perchè non ne puoi più e non vedi l'ora di poter vivere senza questo perenne BLEEH che ti sale ogni volta che arriva un'ondata.
Ok, si capisce che ne sto soffrendo tantissimo?? E quindi cerco tutti i rimedi possibili.

Rimedio 1: mangiare cibi secchi.
Chi non ti ha detto di mangiare biscotti o crackers? Io però mica posso passare a ruminare l'intera giornata!! Altrimenti altro che 9 chili, ne prendo 25 e la mia ginecologa hitleriana mi ammazza prima di raggiungere i cinque mesi.

Rimedio 2: bere acqua gasata con il limone.
Ammetto che questo mi aiuta spesso, ma non sempre. Anche perchè a forza di bere acqua gassata (che tra parentesi prima mi faceva schifo, ora invece apprezzo assai!) mi gonfio tipo mongolfiera ancora prima del terzo mese!

Rimedio 3: mangiare frutta con pectina o aspra.
Questo proprio non mi aiuta: che sia una mela o che sia un limone o un mandarino verde a me la frutta fa anche peggio, quindi rimedio eliminato.

Rimedio 4: medicine omeopatiche.
Ammetto di aver strisciato penosamente in farmacia chiedendo aiuto. E mi sono ritrovata con una boccettina di ovuletti mignonissimi omeopatici da prendere anche ogni mezz'ora se necessario, che all'inizio non è che mi ispirassero molta fiducia, ma per i quali poi ho cambiato decisamente opinione. Non è che fanno i miracoli, solitamente poi ci vogliono almeno due tornate, ma alla fine la nausea si attenua, anzi anche scompare e io posso tornare a vivere.

Rimedi non provati: caramelle allo zenzero.
Questo vorrei provarlo, se riesco a trovare un'erboristeria che abbia queste benedette caramelle, anche perchè poi a me lo zenzero piace molto. Ho provato a bere il thé al limone e zenzero, ma decisamente non mi è stato d'aiuto, anzi!

Io ho descritto il tutto molto alla Gianburrasca, ma le nausee associate al vomito (che per ora, grazie al cielo, mi ha risparmiato!) sono molto pericolose se non si riesce ad assimilare cibo e acqua e si rischia addirittura il ricovero. Questa patologia è chiamata iperemesi gravidica grave.
Se qualcuno di voi ha qualche consiglio da poter aggiungere a questa mia semplice lista di soluzioni (tutte testate!), mi farebbe molto piacere potesse scrivere commentando questo post, per aiutare me e altre povere donne incinta a superare questo fastidio che alle volte ti rovina la giornata.

domenica 28 novembre 2010

Settima settimana di gravidanza

Ieri sono entrata nella settima settimana di gravidanza, dopo che venerdì sono riuscita a vedere il battito in un'altra ecografia. Gioia, finalmente posso sentirmi pienamente incinta!

Cosa succede all'esterno.
Nella settima settimana iniziano i cambiamenti nel corpo della madre, non tanto da poter già vedere il pancione, ma tanto da iniziare a fare un censimento dei vari jeans e pantaloni che potete o meno continuare ad utilizzare!
La nausea dovrebbe continuare a darvi noie, accompagnata da mal di testa e da un olfatto da segugio, che decisamente non aiuta. Inizia anche ad aumentare la fame, ma mi raccomando di non cominciare a prendere chili già da subito, sennò poi vi tocca stare a dieta!

Cosa succede all'interno.
Il vostro bimbo cresce davvero tantissimo in queste settimane, ormai il cuore già si può vedere con l'ecografia transvaginale e iniziano a formarsi mani e piedi.
Come misura abbiamo già passato il centimetro e il piccolino già nuota e si muove nel liquido amniotico, anche se per noi è impossibile sentirlo.

Cosa fare.
In queste settimane si devono aver già fatto i primi esami, la prima ecografia e magari aver già fissato le importanti ecografie del terzo e del quinto mese.
Ricordatevi di assumere l'acido folico e iniziate a spalmarvi la pancia ed il seno con olio, in modo da tenere la pelle idratata ed evitare troppe smagliature.
Se avete molte nausee come la sottoscritta potete pensare a qualche rimedio omeopatico, che con me sta funzionando. Farò a breve un post dedicato a questo "bellissimo" sintomo :)

sabato 20 novembre 2010

Sesta settimana di gravidanza

E un'altra settimana per me è passata, con una prima ecografia dove si è visto solo la camera gestazionale e il sacco vitellino, con l'acutimento di tutti i sintomi (nausea, stanchezza e seni doloranti in primis) e la scoperta che in gravidanza si è facile preda di acne e carie. Che ovviamente ho già entrambe.
W la gravidanza ;-)))

Cosa succede all'esterno.

Come ho scritto sopra in questa settimana iniziano ad acutizzarsi i sintomi avvertiti nelle settimane precedenti, tutto nel corpo sta cambiando come quando si è adolescenti e le risposte sono più o meno simili, quindi non spaventatevi se vorreste strangolare qualcuno e il momento sucessivo starete piangendo guardando un telefilm, tutto nella norma!
Ora le nausee sono ben consolidate, quindi inizia a regolarti di conseguenza cercando il modo di combatterla il meglio possibile (i produttori di biscotti e crackers ringraziano!), inizierai ad andare spesso a fare pipì, ma continua comunque a bere molta acqua, i seni saranno ormai intoccabili oltre che inguardabili, visto che saranno un dedalo di vene in evidenza con un capezzolone nero bello grande, infine non dimentichiamo la stanchezza che ti prende a qualsiasi ora del giorno.

Cosa succede all'interno.
Il piccolino cresce tantissimo giorno dopo giorno ed ha già raggiunto il mezzo centimetro. Il suo cuore, anche se non è ancora del tutto formato, batte già all'impazzata, ma purtroppo non è facile vederlo con l'ecografia (io per esempio non ci sono riuscita e dovrò tornare la prossima settimana); inoltre da questa settimana iniziano a formarsi anche tutti gli altri organi. Addirittura l'embrione in questa fase già inizia a muoversi, ma con movimenti lenti e deboli, impossibili da sentire.

Cosa fare.
Questa settimana non andrebbe male un controllino, giusto così per capire che tutto fili liscio.
Andate poi a farvi fare le ricette per tutti gli esami di routine e iniziate a prendere l'acido folico, se ancora non lo assumete, aiuta nella prevenzione della spina bifida tra le altre cose.
Ma soprattutto: rilassatevi che il viaggio ha inizio! :)

domenica 14 novembre 2010

Quinta settimana di gravidanza

Vorrei cercare di parlare settimana dopo settimana di questa magia della gravidanza, sperando vada ovviamente tutto bene e non mi debba interrompere (fate un po' di corna insieme a me!!!).
Partiamo dalla quinta settimana, che solitamente è quella in cui si hanno i primi sintomi, i sospetti diventano dei forti dubbi e il test risulta positivo.

Cosa succede all'esterno.
In questa settimana le mestruazioni che probabilmente si aspettano salteranno e inizieranno i dubbi, le paure, le speranze e ogni minimo accenno di sintomo viene ricollegato alla possibilità di una gravidanza. Soprattutto per chi non è regolare (tanto per non parlare di chi scrive ;)) ) questa settimana sarà abbastanza estenuante e faticosa, non si sa se aspettare, fare il test o che altro.
Tra i sintomi più comuni di questa fase si ha sicuramente la stanchezza che vi può prendere a qualsiasi momento del giorno, qualche sporadica nausea non per forza mattutina magari associata al fastidio per determinati odori, giramenti di testa, crampi al basso ventre e un seno duro, dolente con l'aoreola scura.
Se ci sono delle piccole perdite ematiche non vi allarmate: potrebbe benissimo essere l'uovo che si è annidiato nell'utero.
Ovviamente non ci dimentichiamo dei cambiamenti d'umore che arrivano per la presenza degli ormoni, ma su questo noi donne dovremmo essere ormai delle esperte ;))

Cosa succede all'interno.
Tanto all'esterno non si vede niente, tanto all'interno stanno succedendo un mare di cose! È un periodo molto importante: il vostro futuro bambino inizia a formarsi e lo fa a tutta velocità, la cellule si moltiplicano e passa da 2mm a 5mm (sarebbe visibile addirittura ad occhio nudo), si annidia nell'utero e alla fine di questa settimana avrà già un suo cuoricino che batte all'impazzata e che, se siete fortunate, potrete vedere in un'eventuale ecografia (ma difficilmente!).
In questo momento l'embrione è formato da una "grande" testolina e una "lunga" codina, per farla breve assomiglia a un gamberetto!!

Cosa fare.
Prima di tutto fate un bel test delle urine in casa, tranquille, senza fretta. Poi se risulta positivo chiamare il vostro ginecologo e, se volete essere più sicure, fatevi un'analisi del sangue delle beta Hcg.

venerdì 12 novembre 2010

Beta alte o...

Alla fine pare che, dopo altri due anni dal mio aborto e sei mesi di tentativi prima, ho una creaturina che cerca di farsi spazio dentro di me.
Sono incinta...o meglio: ho le beta alte che quindi hanno dato positivo nel test delle urine che ho fatto stamattina. Ma finchè non avrò la visita e mi diranno che è una normale gravidanza, senza brutte sorprese, per me saranno sempre e solo beta alte. Domani mattina comunque rifarò il test per sicurezza e lunedì andrò a farmi le analisi del sangue e vedremo cosa ne verrà fuori.
Per ora mi tengo le mie nausee che non hanno nulla di mattutino, visto che mi vengono la sera verso le nove, se non più tardi, il mio mal di schiena, le mie tette che mi danno fastidio solo a guardarle e con il capezzolo bianco (non con l'aureola nera, ovviamente io noto il capezzolo bianco!!), i crampi al basso ventre quando meno me lo aspetto, ma soprattutto una stanchezza cronica durante tutta la giornata.

Sono rimasta incinta proprio ora, quando avevo mille cose da fare e organizzare, quando ho perso quasi 10 chili e sto facendo il corso da sommelier, quando mi sono stramazzata di lavoro e saune, quando ho visto il Navigante solo cinque giorni in due mesi, quando avevo quasi depositato le armi e sognavo viaggi in giro per il mondo, quando mi era praticamente passata la voglia.
Non so se è questo bimbo che è un rompipalle o se è vero il detto che quando finirai di pensarci sarà la volta buona...che poi non è vero che smetti di pensarci, semplicemente smetti di lottarci...

E speriamo di non dovermi pentire di aver scritto questo post ante tempo...