mercoledì 27 novembre 2013

4 mesi meno due giorni

Il Navigante è partito da due giorni e io sto cercando ancora di raccogliere i cocci, di riassestare la famiglia, ma ecco diciamo che non sono aiutata dal destino.
La Belva ha la tosse e nella prima e unica notte intera 21-7.30 del Vitellino lei mi ha tenuto sveglia dalle 4 alle 5.30 per tosse, pipì, cacca, "mamma dov'è gatta Koala??"...
Il Vitellino in compenso non è stato da meno passando la seconda notte a ululare dall'una in avanti senza fermarsi mai, nemmeno con dose di tachipirina da fargli ingoiare col naso tappato che sennò la sputa. Denti? Mal di pancia?? Chennesò...responso della mattina: un pisello grosso quanto un pollice di un adulto, rosso e a pelle viva o___O che solo a guardarlo mi faceva un senso!!
Quindi chiama la "simpaticissssssssima" segretaria del dottore, fatti più o meno capire in un francese maccaronico che hai assoluto bisogno di far vedere il petit garçon strillante, chiudi la telefonata quasi piangendo quando ti viene risposto di venire alle 11.45, piangendo perchè hai capito l'ora al volo (che io i numeri francesi proprio non riesco a incamerarli) e perchè seppur antipatica ha capito l'urgenza, vai dal docteur che appena vede il pistolino strabuzza gli occhi e si chiede come mai il Vitellino sia così allegro e pieno di vita (non lo so nemmeno io, visto che io invece sono uno straccio e non ho niente, solo poche ore di sonno addosso). Alla fine torno a casa con una crema antibiotica e mille carte che dovrò compilare per il rimborso spese, visto che ancora non ci è arrivata la tessera sanitaria di qua, e da portare alle Seguridad Social prima o poi.
In tutto questo, monumento alla mia Au Pair che, non dorme una sega come me, ma riesce a stare dietro ai miei piccoli mostri facendoli giocare, cantare, disegnare, parlare in spagnolo (prossimo post alcune considerazioni su questo), mentre io faccio vagonate di lavatrici con le cose che il Navigante ha messo a lavare prima di andarsene e che non so nemmeno dove mettere perchè non metto mai via la sua roba negli armadi, come lui non mette via la mia (tacito accordo per sopravvivere e non beccarsi relativi cazziatoni, non ridete!). E soprattutto stamattina è rimasta a casa con la Belva mentre io andavo dal doctuer sola con il Vitellino e che strano è stato stare attenta solo di un nano!
Insomma dai ce la faremo del resto mancano solo ancora...4 mesi meno due giorni!!! o_______________O

19 commenti:

  1. Abbraccio e pat-pat che guardando il positivo son passati 2 giorni... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è meglio cercare di vedere il lato positivo, và!

      Elimina
  2. Coraggio! Se l'inizio è in salita poi non potrà che scendere, giusto?!
    Vedrai che supererai alla grande anche questo periodo. Per quello che posso ti abbraccio con tanta comprensione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima o poi scenderà certo...spero...probabilmente a fine marzo :)))

      Elimina
  3. Un abbraccio solidale anke da parte mia a te e a tutta la vostra forte tribú...e guardando il lato positivo della cosa: aver trovato una au pair brava e ke stesse sul pezzo al bisogno..beh..nn era poi tanto scontato!
    Ne uscirai straordinariamente forte e i tuoi figli se lo porteranno dentro a vita questo tuo coraggio,una parte la stai trasmettendo anke a loro,ne son certa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono stata davvero fortunata con la ragazza, è davvero fantastica e ci troviamo proprio tanto ed effettivamente non è affatto scontato!

      Elimina
  4. Beh, per le cose di tuo marito fai presto. trova un angolo libero nella sua parte di armadio e imbuca tutto lì, che tanto per 4 mesi non le usa.
    Per il resto...dai, ogni giorno è uno in meno! Ma alla fine cosa aveva il pupo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti: roba finita imbucata :)))
      Il pupo ha una grossa infezione, crema antibiotica e oggi ha pure qualche linea di febbre, ma sono tranquilla, per lo meno so cos'ha!

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Un sentito pat-pat
    Coraggio che passa!

    RispondiElimina
  7. Ho scovato ora il tuo blog e tornerò a leggerti molto volentieri!!Spero che nel frattempo le cose siano migliorate un pochino..un bacino al povero vitellino..che passi presto!! :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non molto purtroppo :( È comparsa la febbre e non pare volersene andare :((

      Elimina
  8. Spero che la Belva guarisca in fretta. A proposito,dato che siamo in tema delle "lingue",volevo aggiornarti sul miglioramento dei miei 2 figli Olav ed Ingrid 3 anni e mezzo ed 1 anno e mezzo: tutti e due i miei figli preferiscono usare il danese come prima lingua,perché detto da Olav "lingua più semplice" (detto in danese), Olav parla danese anche con sua sorella,e chiaramente,come tutte le sorelle più piccole,tendono a copiare i fratelli più grandi,percui anche Ingrid parla danese.
    Proprio qualche giorno fa,Ingrid mi ha sorpreso,dicendomi una frase lunghissima(praticamente un dialogo) tutto in danese!
    Insomma il mio problema é stimolare ai miei figli l'utilizzo anche della lingua spagnola,oltre che il danese (che é giusto che lo sappiano come prima lingua,perché abitano vicino a København). La vedo un'impresa perché sia fuori casa che a casa parlano solo danese. Io è mio marito facciamo quello che possiamo,ma senza risultati. Mi puoi dare un aiuto?
    Ps. Il prossimo post penso che mi sará utile:)
    Isabella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi facciamo vedere e sentire canzoni, balli, cartoni animati in spagnolo per stimolarli, abbiamo molti libri, ma tanto basta. Vedrai che quando si troveranno ad usare solo lo spagnolo lo tireranno fuori come se niente fosse. Con voi parlano danese perchè sanno che li capite, prova magari a cercare se c'è qualche playground in spagnolo nei dintorni.

      Elimina
    2. Grazie. Proverò a cercare se c'é qualche playground,ma dubito.
      Secondo me é meglio seguire il metodo che fai con i tuoi figli: leggere,cantare,ballare... In spagnolo!
      Mio figlio Olav,dice che non vuole imparare lo spagnolo perché "é una lingua difficile",gli viene più naturale parlare in danese.
      Spero che non avranno molti problemi,ma soprattutto che non mischino le 2 lingue!
      Isabella

      Elimina
    3. Ma secondo me è sbagliato pensare che debba "impararlo", deve semplicemente interiorizzarlo, deve essere una cosa naturale, altrimenti non si tratta più di un bimbo bilingue, ma semplicemente di insegnare una lingua come farebbero a scuola.

      Elimina
    4. C'é,intendevo dire imparare in modo naturale,lo stesso per sua sorella.
      Isabella

      Elimina
  9. sei bravissima, la roba mettila in cantina e tanti pat pat .

    RispondiElimina

I commenti sono graditissimi, se firmati ancora di più!