lunedì 30 settembre 2013

4 mesi

Le cose parevano andare per il verso giusto, nuovi equilibri, più tempo per noi, tanta voglia di rimediare a due anni davvero tosti, molti progetti anche per me...e poi e poi...eccola là, la tegola che ti arriva in testa e da cui pare che questa volta non potrai proprio scappare.
Il Navigante potrebbe navigare. Bè si chiama così per quello no? direte voi...già però se parte stavolta parliamo di 4 mesi, parliamo di un Natale lontano, parliamo del mio compleanno da sola, parliamo di barcamenarsi in questa nuova realtà senza l'appoggio di qualcuno che sappia sul serio la lingua e due nani che insieme fanno a malapena tre anni.
Sono caduta in seria crisi, ho passato qualche giorno frastornata, sto pregando che l'ultimo filo a cui siamo appesi prima della decisione non ci faccia cadere nel baratro, perchè questi 4 mesi sola per me sono davvero un baratro. Poi però ho anche dovuto iniziare ad organizzarmi.
Non voglio tornare in Italia dai miei, voglio che i miei nani possano continuare la loro routine alla creche, possano andare in piscina, vedersi con gli amichetti al parco e non debbano adattarsi ventimila volte a case, letti, giornate diverse. Ovviamente sto organizzando di andare dai miei per le festività, ma quello le avremmo comunque passate là, ci aggiungo solo un paio di settimane in più fino all'Epifania.
Mi serve però un aiuto e quindi sto valutando o una ragazza alla pari (qualcuna ha qualche suggerimento in questo caso?) oppure creche tutte le mattine (se me lo permettono, visto che qui io non lavorando ho diritto a sole 3 mattine a settimana) con aiuto di donna delle pulizie ed eventuale baby sitter per momenti quali la piscina in cui mi serve effettivamente una mano in più.
Sopravviverò di certo, sono sicura che poi avrò visite da parte della mia famiglia e alla fine questi 4 mesi passeranno. Per ora però continuo a fare ogni gesto e a pensare che lo dovrò ripetere per 4 mesi da sola, senza un momento di sfogo e di stop, senza il mio unico e vero appoggio, che non ci saranno nè sabati nè domeniche in cui la mattina il Navigante mi porterà via i nani e io potrò riposare nel letto fino alle 9, che non potrò fare 4 chiacchiere la sera prima di addormentarmi o decidere dove passare il weekend, dove non mi sentirò una vera famiglia, dove mi macherà sempre e comunque qualcosa. E saranno 4 mesi dove ogni step dei miei nani sarà da una parte una gioia, ma dall'altra un enorme dolore, in cui dovrò nascondere le lacrime per asciugare le loro, dove dovrò essere forte, ma vorrei solo sedermi e aspettare che questi 4 mesi passino.
Sono stata senza il Navigante anche per 6 mesi, ma questa è la prima volta che sarò mamma senza di lui per così tanto tempo e non so se ne sarò davvero capace.

13 commenti:

  1. sara' che in questi giorno ho la lacrima facile ma mi sono un po' commossa...
    spero che alla fine le cose prendano una piega diversa...sono certa che ce la faresti lo stesso ma non e' che sempre si deve dimostrare per forza di sapersela cavale sempre...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace averti fatto piangere :) Ecco come dici tu, sono stanca di dover sempre affrontare delle sfide, vorrei solo un po' di calma.

      Elimina
  2. guarda il mio record da sola con loro due e' stato 22 giorni, seguiti da altri 20 a due giorni di distanza e poi ancora 15 con altri due giorni in mezzo. Ma rispetto a 4 mesi di fila, senza pause, sono bruscolini.
    Pero' nella mia esperienza di mamma spesso single posso dirti che quando ci si e' dentro e' meno difficile di quando si aspetta di cominciare questi periodi...in un certo senso loro ci si abituano anche se ovviamente gestire la loro mancanza del padre e la tua non e' un brodino emotivo.
    dai che ci facciamo compagnia insieme da qui ad allora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, uno dei primi miei post su questo blog, parla proprio di come io mi senta inadeguata come mamma single :( Certo alla fine passano e dici "Oh, tutto qui!! Mi sono preoccupata per niente!!" però quando ci sei dentro ogni giorno è eterno davvero. Finora sono sempre andata dai miei (periodo di al massimo un mese), ma ora voglio mantenere un po' di routine sennò poveri nani, come fanno ad abituarsi? E poi 4 mesi dai miei...mi sparo!!!

      Elimina
  3. Posso immaginare come ti senti, per fortuna non l'ho mai provato però hai tutto il mio sostegno e la mia comprensione...vorrei esseri vicina per darti una mano o anche solo un sostegno morale o solo per scambiare due chiacchiere. Posso dirti che puoi passare dal mio blog quando vuoi e scrivermi per sentirti meno sola. Sei forte e supererai alla grande anche questi mesi, me sono certa! In bocca al lupo. Un abbraccio e un bacione da una mamma quasi bis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero :) Il web in questo è davvero una salvezza!

      Elimina
  4. redo che non sia facile dovercela fare da sola, ma non impossibile. Secondo me ne uscirai più forte, anche se i momenti difficili non mancheranno. Nessun parente può trasferirsi da te per un periodo? Oppure una ragazza della tua città d'origine che vuole fare un'esperienza fuori dall'Italia come ragazza alla pari?
    Cmq coraggio e non abbatterti, anche se detto da fuori è facile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Impossibile no, però pesante sì, soprattutto ora che eravamo riusciti a ritrovare un po' di pace. Sto meditando per una ragazza alla pari, vedremo...

      Elimina
  5. Cara! Che botta. L'idea di stare quattro mesi da sola in un posto estraneo....in effetti mette un bel po' di paura.
    Se ti può consolare (un pochino, eh!) ad una mia amica (diciamo più che altro una conoscente...) è successa una cosa simile (anche se per motivi molto diversi...il marito ha avuto una "crisi" e si è allontanato dalla famiglia per qualche mese). Lei in quel periodo ha preso una ragazza alla pari...e si è trovata benissimo: riusciva ad avere i suoi spazi, non era sola a casa, si è "distratta" da tutto l'ambaradan. All'epoca la loro bimba aveva 5 anni, oggi ne ha 12 e nonostante tutto ha un bellissimo ricordo di quel periodo... Quindi...secondo me è una buona idea! E se hai la fortuna di trovare una ragazza simpatica, può essere veramente un esperienza positiva!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti da una parte l'idea mi sconfinfera, dall'altro ho questo insegnamento inculcato dalla nostra cultura del "non sai mai chi ti metti in casa" che mi frena. Per dirti mia madre quando le ho detto che cercavo una au pair su internet, subito mi ha detto: internet meglio di no. E se non su internet dove?? Razionalmente so che è sbagliato, ma è difficile poi mettere in pratica.

      Elimina
  6. vedrai che passeranno veramente quei 4 mesi.
    anch'io appoggio l'idea della ragazza alla pari...mi sembra una bella cosa sia per te che per loro. un modo per non restare troppo sola.
    ho due amiche che hanno una ragazza alla pari, oggi chiedo loro come l'hanno contattata

    RispondiElimina
  7. Anch'io quoto la ragazza alla pari (o magari un ragazzo...)
    Scherzi a parte, sarà dura, ma ce la farete!!!

    RispondiElimina

I commenti sono graditissimi, se firmati ancora di più!