domenica 29 novembre 2009

Gravidanza molare

Come già detto in un paio di precedenti post, l'anno scorso ho subito un raschiamento dovuto ad un aborto per sospetto di mola parziale.
Come penso tutti quanti, io non avevo assolutamente idea di cosa fosse, quindi mi sono documentata il più possibile e cercherò di riunire qui ciò che ho appreso, in modo da aiutare qualcun altro. Per chi fosse particolarmente sensibile, è sconsigliata la lettura di questa pagina.

Partiamo dal presupposto che questa patologia è piuttosto rara, in Europa e America si presenta infatti nello 0,1% dei casi (lo so, sono particolarmente fortunata...). Più alta invece è l'incidenza in donne che già sono state colpite da questa patologia (1,25%), anche se, nella maggior parte dei casi, si tratta di anomalie genetiche del concepito talmente sporadiche che solo in una piccola percentuale, sono residenti in uno dei coniugi e, quindi, il rischio di ricorrenza è aumentato.
La gravidanza molare, detta anche mola idatiforme, vescicolare o patologia trofoblastica gestazionale, è causata da uno sviluppo anomalo della placenta che presenta delle cisti piene d'acqua (idatiforme deriva da “hydatid”, che significa appunto questo).
Una mola idatiforme inizia quando l’ovocita viene fecondato, ma ad un certo punto della gravidanza, di solito mai oltre il terzo o quarto mese, parte della placenta (i villi coriali, o trofoblasto) inizia a produrre cisti piene di liquido, o vescicole che si sviluppano rapidamente e dalle dimensioni variabili (dalla punta di uno spillo a un piccolo chicco d’uva).
Le gravidanze molari possono essere:
- complete, quando il bimbo non si sviluppa, la placenta si impianta e crescono molte piccole cisti piene di fluido;
- parziale, quando invece il bimbo inizia a svilupparsi, ma non può sopravvivere e spesso viene assorbito tra le vescicole che continuano a svilupparsi.
Ancora non si conoscono le cause che portano a questa patologia, se non che avvengono soprattutto in donne che hanno più di quarant'anni o meno di venti.

Per quanto riguarda i sintomi, invece, la gravidanza molare è caratterizzata da un'eccessiva produzione dell'ormone della gravidanza (le famosissime beta HCG); questo causa ovviamente nausee più forti e vomito frequente, a cui si aggiungono perdite ematiche e una pressione più alta del normale, tutti sintomi che comunque possono presentarsi in una gravidanza normale.
La conferma viene data solo dall’ecografia, che riscontra innanzitutto un utero più grande per le settimane di gestazione calcolate, oltre che duro al tatto e dolente, inoltre il battito cardiaco del bimbo non si sente, mentre già dalla dodicesima settimana dovrebbe sentirsi.
Molte donne fanno un’ecografia attorno alla diciottesima o ventesima settimana e questo solitamente conferma l’eventualità di una gravidanza molare, altrimenti se non si sentono calci del bambino intorno alla ventiduesima settimana si dovrebbe sospettare qualcosa.
Io me ne sono accorta davvero molto in anticipo, per fortuna. Avevo fatto il test il giorno prima, anche se già avevo forti sintomi (nausee soprattutto, come da manuale!), e mi sono accorta di avere delle piccole perdite marroncine, quindi sono subito andata all'ospedale. Siccome era molto presto con l'ecografia non si vedeva molto, quindi sono stati soprattutto i due esami del sangue, a distanza di due giorni uno dall'altro, che hanno confermato la diagnosi. Solo nella seconda ecografia, fatta con il secondo prelievo si notavano delle vescicolette, ma erano davvero impercettibili e solo la biopsia dopo il raschiamento ha confermato essere una mola parziale.
L'impatto psicologico è stato devastante ovviamente, forse più di un semplice aborto, perchè oltre al lutto per la perdita del tanto ricercato bimbo, ho dovuto aggiungere la paura per una recidiva, l'attesa di mesi prima di poter tornare alla normalità, oltre alla mia pesante fobia verso i prelievi del sangue...insomma non si può davvero immaginare cosa abbia passato e cosa ancora sto cercando di superare.
Ma passerà, dicono...

I rischi di una gravidanza molare sono diversi. Innanzitutto può accadere che prima che la mola venga individuate, durante la rimozione o subito dopo la rimozione, vi siano forti emorragie improvvise. Spesso l'emorragia è causata dalla perforazione dell’utero, che accade quando il tessuto placentare è profondamente impiantato nella parete uterina e si ha difficoltà nel rimuoverlo. L’ulteriore crescita di tale tessuto (mola invasiva) può quindi aprire la parete uterina e causare emorragia interna.
Il rischio peggiore però è quello che si verifichi un corioncarcinoma o ‘tumore trofoblastico gestazionale’, dopo la rimozione chirurgica della mola. Per le donne che hanno avuto una mola completa l’incidenza di questo tumore è di circa 3-5% , mentre per le donne che hanno avuto una mola parziale è del 0.5% circa.

Per quanto riguarda invece la cura della gravidanza molare, l'unica cosa da fare è un intervento per rimuovere la mola tramite svuotamento della cavità uterina (isterosuzione o raschiamento di cui abbiamo parlato qui).
Circa il 10% delle donne richiede ulteriori interventi per prevenire una recidiva delle cisti e del tumore, evidente se le analisi non tornano normali, a cui generalmente si aggiunge la chemioterapia. Circa il 90% delle donne sottoposte a chemioterapia guarisce totalmente, rmanendo anche fertile, con l'unica prescrizione di dover aspettare almeno dodici mesi dalla fine della cura prima di riprendere la ricerca di un bimbo, per ridurre il rischio che il bimbo venga danneggiato a causa della chemioterapia. Inoltre è raccomandabile ripetere le analisi delle urine e del sangue dopo la nascita del bambino, per assicurarsi che i livelli ormonali siano tornati alla normalità e che la gravidanza molare non recidivi.

Dato che le cisti molari possono riformarsi ed espandersi, e data la piccola possibilità che il tumore si ripresenti, bisogna aspettare un po’ prima di riprovare ad avere un bambino. Quanto tempo aspettare dipende dalla gravità della gravidanza molare e, soprattutto, da quanto velocemente i test sul sangue ritornano normali (le beta HCG rimangono infatti alte anche dopo la rimozione chirurgica). Possono normalizzarsi entro sei mesi o anche entro 2 anni dopo l’intervento di rimozione; io sono stata fortunata in questo, forse perchè la mia è stata una semplice mola parziale, oltre che scoperta molto presto: a ottobre, infatti, ho fatto il raschiamento e a fine gennaio avevo già gli esami del sangue a posto, però ho ricominciato a provare, con scarsi risultati, a rimanere incinta da marzo (in anticipo, perchè la dottoressa aveva detto da aprile).
Inoltre contraccettivi ormonali, come la pillola, possono accrescere i rischi, dopo una gravidanza molare, quindi bisognerebbe usare i contraccettivi a barriera, come il diaframma o il preservativo, finché le analisi ritornano normali e anche per un po’ dopo.
Assolutamente farsi guidare dal proprio ginecologo per qualsiasi decisione!

Le informazioni sono state tratte dai siti mammeonline.net e da medicinasalute.com, oltre che dalle numerosissime esperienze personali su forum e blog. Interessante anche questo sito, anche se davvero molto molto tecnico, dove si trovano diverse altre pagine con informazioni a riguardo.
Come sempre ringrazio chiunque voglia dire la sua o correggere qualche errore.

38 commenti:

  1. anche io ho avuto questa terribile esperienza..ci sono ancora dentro..la cosa fondamentale è avere un medico che capisca subito la situazione e intervenga il prima possibile...fortunatamente le beta sono scese vertigginosamente.........450.000 era il valore pre-raschiamento, subito dopo già erano a 7000, poi 1300,300, 87....tutto il resto è da scoprire....per adesso ringrazio Dio e il mio meidco per come sono andate le cose.....

    RispondiElimina
  2. IO NON SO UNA SETTIMANA FA' AVEVO LA BETA HACG A 24245 TROPPO ALTA PER IL PERIODO DI GESTAZIONE E NON SI VEDEVA IL FETO DOPO 1 SETTIMAMA E' A 16000 POTREI AVERE ANCHE IO UNA GRAVIDANZA MOLARE???

    RispondiElimina
  3. Purtroppo solo un'ecografia può dirlo :( magari sono invece due gemelli :)) Sii positiva e fammi sapere!

    RispondiElimina
  4. ANCHE IO .. lo scorso luglio ho scoperto che la mia era una "orribile" gravidanza molare.
    A fine luglio, dopo 3 settimane dall'intervento, le beta hcg erano assenti.
    oggi dopo 4 mesi sono assenti. Devo aspettare altri 2 mesi prima di riprovare.. ma sono assalita da dubbi del tipo:
    è possibile che si ripresenti la mola?
    c'è un nesso cn l'episodio di maggio di un microaborto( beta bassissime e ciclo dopo una settimana dalla data presunta del ciclo).?
    se restassi incinta adesso dopo 5 mesi... quali rischi correrei?
    ma sopratutto.. la mia fertilità, il mio utero... sono rimasti ILLESI!??


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io a luglio ho subito un raschiamento per mola parziale e avevo alle spalle un precedente aborto a marzo...non so se veramente ce la faro a riprovare...

      Elimina
  5. Io posso solo dirti che sono passati 4 anni e ho due splendidi figli...Tanti in bocca al lupo, spero che vada tutto bene come è successo a me :)

    RispondiElimina
  6. perche dopo il raschiamento e una fiala di chemio i valori beta mi sono aumentati da 3000 a 10000?

    RispondiElimina
  7. Guarda purtroppo io non sono un medico, porto solo la mia esperienza e la mia - scarsa - conoscenza. Prova a chiamare all'ospedale o al tuo ginecologo e chiedi spiegazioni, ne hai tutti i diritti!

    RispondiElimina
  8. Ciao a tutte...vorrei riportare anche io la mia esperienza:-(....ho scoperto di essere incinta alla 5a settimana...sembrava tutto nella norma(seno molto gonfio e dolorante,pancia che aumentava,nessun dolore ne perdita).prenoto la prima visita dalla ginecologa ed ero appena entrata nell'8a settimana.la ginecologa dall ecografia nota qualcosa di anomalo(non ce presenza di feto ma solamente tanta placenta che cresceva)....spaventata e in lacrime mi dirigo al pronto soccorso dove mi fanno le beta e un altra eco....sospetta MOLA mi dicono.due giorni dopo mi ricoverano x rifarmi le analisi e il raschiamento. Mi dimettono dicendo ke avrei dovuto ripetere le beta ogni 21gg fino ad azzeramento e poi dopo azze ramento ripeterle x tre mesi una volta al mese.a casa però noto un sanguinamento anomalo kke dura per più giorni e cosi torno dalla ginecologa che mi rimanda al pronto soccorso.in pratica a distanza di 14giorni dal primo raschiamento me ne hanno fatto un altro perché avevo ancora residui di placenta in utero!sono ricoverata x tre giorni e dovrò ripetere le beta fino ad azzeramento ecc ecc.. inoltre devo attendere l'esito del l'esame istologico xke se la diagnosi sarà di mola vescicolare completa dovrò fare glo esami del sangie x un anno x tenermi controllata(ed evitare di riprovare ad avere figli x tutto quel tempo)...se invece è mola parziale le analisi dovrò farle x sei mesi e aspettare sei mesi prima di riprovare:-(....i medoci parlavano anche di una cura antibiotica nel caso le beta non si azzerassero:-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie innanzitutto per aver condiviso la tua esperienza.
      Ricordo quel periodoo come uno dei più bui, ricordo il dolore, la rabbia, l'angoscia...Quindi ti abbraccio forte e ti dico che alla fine di tutto andrà bene, io ho due splendidi bimbi e un altro/a in arrivo che me lo ricordano ogni giorno.
      Sii forte, fatti aiutare da chi sta vicino a te, non mollare, sarai ricompensata per tutte le brutte sensazioni che stai vivendo ora vedrai.
      Un grande in bocca al lupo per tutto.

      Elimina
  9. Pensavo di essere l unica.....aborto alla 17 settimana e diagnosi di mola vescicolare completa. I valori beta si sono azzerati dopo circa due mesi e ad oggi a 5 mesi dal raschiamento sono a zero. Devo controllare il valore fino a fine dicembre ma non so quanto dovrò aspettare X una nuova gravidanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non sei l'unica anche se non siamo in moltissime ;) Quello che so io è che una volta che i valori beta sono a zero e sono passati almeno sei mesi non dovrebbero esserci problemi nel cercare una nuova gravidanza, però io avevo una mola parziale non so se cambi qualcosa.

      Elimina
    2. CAvoli ora che leggo bene, non se ne sono accorti prima che era una mola? Sei dovuta arrivare a 17 settimane?!

      Elimina
  10. Anch'io ho avuto la molla parziale, ma la dottoressa che mi ha consegnato le analisi ha banalizzato molto la cosa perciò io ero tranquilla, il dottore che mi ha visto dopo l'intervento anche lui non mi ha detto molto. dal mio ginecologo ho smesso di andare perchè dopo il raschiamento ho subito una specie di rifiuto, rabbia e non me la sentivo più di vederlo , eppure è una bravissima persona e un bravo specialista...
    Le mie beta osno scese dopo un mese dal raschiamento... perciò ho messo la cosa in cassetto... ora però, essendo rimasta nuovamente incinta, dopo 3 mesi dal raschiamento, mi stanno venendo le peggior paure.... speriamo bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No dai, pensa positivo! Se i dottori non ti hanno detto niente di che e un buon segno

      Elimina
  11. Ciao a tutte, anche io purtroppo ho avuto un aborto con mola parziale ma ho dovuto subire due raschiamenti. La cosa che mi preoccupa di più è che il secondo l'ho fatto il 4 gennaio e da allora non ho avuto ancora il ciclo(premetto che ho ancora le beta a 2400 e piano piano stanno scendendo ).Calcolando che a gennaio avevo 7000. Mi potete aiutare a capire come mai ancora non ho il ciclo?È successo anche a qualcuna di voi?Grazie mille a tutte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vorrei dire una stupidaggine, ma credo che finché le beta non si azzerano o comunque non si abbassano per benino, il ciclo non ritorna. Però non saprei dirti, prova a fare una telefonata al tuo ginecologo, è una domanda lecita!

      Elimina
  12. Io ho saputo una settimana fa.....alla nona settimana....aspettavamo di sentire un battito ed invece ho sentito la parola :"sospetta mola vescicolare". Domani il raschiamento. Ho paura per quello che verrà', paura che non ci sarà un bimbo. Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa posso dirti cara Grazia? Intanto un grosso abbraccio virtuale, poi se leggerai le ultime pagine di questo blog vedrai che io, che avevo le tue stesse paure, a distanza di quasi 8 anni sto abbracciando il mio terzo pupetto...

      Elimina
    2. Grazie mille per le tue belle parole!io sono dal Albania,martedi devo fare il raschiamento,e da ieri ke piango,ma dopo aver letto tute le vostre esperienze,penso ke ce speranza...

      Elimina
    3. Certo che c'è speranza, non ti abbattere!

      Elimina
    4. Cara Grazia.. Come ti capisco..! Purtroppo io ero incinta di due gemelli,e tre giorni prima di entrare nel 3 mese ho scoperto che i loro cuoricini non battevano più.. Ho fatto il raschiamento il 1/4/16 e nonostante siano passati 4 mesi il dolore è ancora forte..scrivo e piango.. Ma credimi,passerà.. Ti abbraccio forte con tutto il cuore.. Cristina

      Elimina
  13. Buongiorno a tutte, anche io ad agosto 2105 ho scoperto che la mia prima gravidanza era purtroppo una gravidanza molare...a settembre subito isterosuzione, le beta si sono azzerate molto velocemente a novembre...ora sono di nuovo in attesa, per ora il ginecologo mi ha sottoposto fin dall.inizio della gravidanza a dosaggi di betahcg , tutto nella norma per ora...oggi che sono a 8+6 ho l.eco e spero molto di vederlo il mio piccolo...io ci sto credendo...comprendo lo stato d animo di chi ha avuto questa terribile esperienza...è difficile ma bisogna andare avanti...ogni donna è unica e speciale....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver condiviso la tua esperienza, in modo da poter dare un po' di speranza a chi sta attraversando questo difficile momento.
      In bocca al lupo per tutto!

      Elimina
  14. Ciao voglio dirvi la mia esperienza
    2008 ho avuto una bellissima figlia ha biamo pensato di avere ancora un figlio 2014 sono rimasta incinta dopo qualche setimana alla visita il dotore mi dice che non c'è nessun embrione e mi da un trattamento per farmi avere un avorton spontaneo tutto finisce bene in 2015 rimango ancora in gravidanza tutto procede bene prima seduta alla vista si sentiva il battito forte seconda vizita mi dice che il battito si è fermato di una setimana così sono finita a fare intervento di raschiamento e superato anche questa volta 2016 adesso che vi racconto sono rimasta in gravidanza mi rendo conto che ho delle perdite la visita mi dice che il utero cambia che devo fare le beta prima a un valore baso 29 ma non si po escludere che la gravidanza va avanti lunedì devo fare 2 beta e poi si decide che strada si prende ma oggi come oggi mi sento delusa mi sento come non sono utile mia figlia mi chede un fratellino vorrei farlo ma non riesco vivo un dificile momento io ho 42 anni e non credo che per me sarà facile avere un altro figlio specialmente dopo le mie esperienze grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver condiviso la tua esperienza e il tuo dolore.
      Le parole sono sempre vane, ma quello che sento di dirti con il cuore è goditi la tua bimba, se arriverà un fratellino o una sorellina sarà un magico regalo!
      Un abbraccio.

      Elimina
  15. Una domanda anch'io come voi in mese di iuglio ho avuto già 2 averti ma non è che il mese di iuglio porta Male?

    RispondiElimina
  16. Ciao a tutte, scrivo qui perché sicuramente siete le uniche che capiscono il mio dolore, 4 aborti con 2 con mola parziale,e rispettivi dolorosi raschiamenti, ogni volta 12 mesi prima di poter ritentare,non si vedeva piu il battito, finalm un altro anno e passato, riproviamo, ad agosto test positivo, non mi illudo, ho fatto bene, all iniz della sesta settimana, dolori fortissimi e perdite a fiume, ecco un altro sogno infranto, e nessuno sa dirmi perché, hi fatto tanti controlli, sono positiva all difetto genetico, ETEROZIGOSI, ma non è grave, prendo il prefolic 15 da 5 mesi, in piu l aspirinetta, e il deltacortene da 5mg, ma niente e andata male di nuovo, e ripeto non si sa il perché!! Ogni volta devo raccogliere i pezzi della mia anima , non ho piu lacrime, un profondo dolore, che non mi lascia piu!! Intanto il tempo è passato, 5 anni , due mole parziali , un anno ogni volta prima di poter riprovare, e ora sono arrivati i 40 anni, e il nostro desiderio piu grande non si avvera, ci sta mettendo a dura prova, e io non mi sento piu forte, mi sento vuota e inutile, e nessuno mi sa dire perche questo corpo non mi da figli, non si sa perché non vanno avanti, mi sento a pezzi,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di certo non posso aiutarti, ma capisco il tuo dolore e, anche se solo virtualmente, ti abbraccio fortissimo.
      Ma vi hanno fatto fare dei test genetici per capire la poliabortività?

      Elimina
  17. Ssono già mamma di una bimba di due anni che in questo momento è la mia forza: ho avuto raschiamento a 9 settimane poiché alla prima ecografia si vedeva solo la camera gestazionale e il sacco vitellino e un distacco della placenta, le beta poi a distanza di due giorni erano aumentate di poco. Ora è arrivato esame istlogico e mi viene comunicato che la mia era una sospetta mola. Devo rifare esame beta settimana prossima. Ma dalla mia sensazione, e dai test di ovulazione, sembra che io sia in prossimità di ovulare, ma è possibile? Qualcuno di voi lo sa? Inoltre non riesco a mandare giú la probabilità che io debba aspettare sei mesi o un anno per ritentare. Solo il pensiero mi fa impazzire. Scusate lo sfogo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai come capisco i tuoi stati d'animo! Pensa che a me successe quando ancora non avevo figli, mi sentivo sull'orlo di un baratro...
      Eppure ora sono qua, con ben tre figli!! Fatti forza guardando la tua piccola, un giorno tutto questo sarò un brutto e lontano ricordo che ti avrà fatto diventare una donna più forte.
      Un abbraccio virtuale a te e alla tua piccola!

      Elimina
  18. Ciao a tutte, questa mattina ho avuto le risposte dell'esame istologico.. Purtroppo hanno confermato una mola vescicolare completa.. mi sento vuota, triste, è dal 14 dicembre che ho fatto il raschiamento. Quella sera che avrei dovuto vedere il mio fagiolino, purtroppo la brutta notizia che non c'era..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un bruttissimo colpo, molte di noi lo sanno, molte sanno anche che con il tempo le ferite si rimarginano, anche se non del tutto. Questa farà parte di te fino alla tomba, ti cambierà, ti forgerà e ti renderà ancora più unica.
      Ti abbraccio virtualmente cara e, se ne avessi bisogno, puoi sempre scrivere, qui sul blog o in privata sulla mail.
      Non sei sola!

      Elimina
  19. Buongiorno a tutte...sono qui per lasciare la mia testimonianza. Ancora non so cosa accadrà,ne come reagirò, ne tanto meno com'è realmente la situazione. L'i11 aprile ho dovuto affrontare la sofferenza di un raschiamento in quanto la mia gravidanza gemellare (grazie alla pma) si è interrotta. Quindi non bastavano i 2 anni di tentativi e di sofferenza, i mille esami che abbiamo dovuto fare per capire il motivo ancora senza risposta (sine causa)...un mese fa ero davvero felice, mi sembrava di volare. Incinta di due gemellini identici... ho fatto 2 eco...tutto perfetto...battiti, misure...nulla che non andasse. Alla terza eco invece quella frase "mi dispiace, non c'è più il battito per entrambi i feti". Che dire... pensavo di aver toccato il fondo...però mi sono rialzata, ho cercato di dimenticare e di sorridere...invece ieri telefonata dall'ospedale, direttamente dalla dott.ssa che ha eseguito il raschiamento...Dall'istologico è emerso che si tratta di mola vescicolare, ma non si allarmi e non cerchi su internet. L'11 maggio ho appuntamento all'ambulatorio mola ( non mi devo preoccupare però casualmente c'è un ambulatorio solo per questo). Io adesso mi chiedo...come faccio a guardare avanti con il mio bel sorriso, mi sento morta, ho perso i miei due bambini e ora anche questa? E dopo tutti questi anni alla ricerca di un figlio dovrò pure aspettare per poterci riprovare? Aspettare? Ancora? Perchè?
    J

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti abbattere, lo so che è dura, durissima! E lo sai che non lo dico tanto per dire, visto che ci siamo passati anche noi.
      Ti dicono di non guardare su internet perché potresti leggere cose piuttosto gravi, ma poi effettivamente potrebbe essere niente, come per tutte le cose.
      Io ti auguro che questo incubo finisca presto. Io ora ho per casa tre diavoletti che me ne fanno di tutti i colori e mi sembrano davvero lontani i tempi in cui facevo mille analisi e mille prove.
      Un abbraccio virtuale e torna pure qua per un conforto o per dirci come vanno le cose.

      Elimina
    2. Oggi ho fatto le beta...di mia spontanea volontà per vedere a che punto siamo dopo 17 gg dal raschiamento. Risultati beta a 69...scusa l ignoranza ma non mi sembrano poi così alte. Considerando che il prelievo ufficiale è previsto per l'8 maggio...cosa ne pensi?

      Elimina
    3. Bè qui siamo tutte ignoranti, non siamo mica medici! Comunque come ti ho risposto nella mail, purtroppo le uniche cose da dire sono "aspetta e cerca di stare tranquilla", ma so che sono anche quelle che non ci si vuol sentir dire...

      Elimina

I commenti sono graditissimi, se firmati ancora di più!