martedì 11 ottobre 2016

Pipì, bugie e sensi di colpa

La questione pipì per me è molto spinosa. Ho un odio profondo verso i pannolini, che siano lavabili o u&g, quindi il mio obiettivo è quello di eliminarli il prima possibile, quantomeno di giorno e quindi quando ho trovato terreno fertile ho iniziato a seminare, nel senso che ho insegnato a non avere piùbisogno del pannolino. Sono assoluta sostenitrice dell'insegnamento al vasino che parta da subito, non credo all'essere pronti, a meno che non si vogliamo aspettare età per me francamente assurde.
La Belva a 20 mesi, il Vitellino a 2 anni si sono trovati prima con mutandine trainer, poi senza pannolino; è stato piuttosto semplice perché avendoli messi fin da neonati sul lavandino/water/vasino ad ogni cambio conoscevano l'oggetto, non c'è stato nessun trauma quindi, solo qualche rottura in più per loro che dovevano mollare i giochi per sedersi a provare.
Quello che bisognava fargli capire era quando andarci e come avvisare, rimanendo molto vigili per beccare l'eventuale momento giusto; due bimbi, due storie: la Belva faceva così tanta pipì che le probabilità di perderne qualcuna erano altissime, in compenso ha cominciato ad avvisare fin da subito, al contrario con il Vitellino era facilmente individuabile il momento della pipì, ma per quanto riguarda l'avvisare...alle volte ancora adesso devo dirgli di andare a fare pipì e spesso mi dice che non ha bisogno, mentre due minuti dopo è in bagno a farla. Ieri in piscina si toccava, ma pur di non ammettere che doveva fare pipì mi ha raccontato una storia assurda che gli bruciava la pipì, gli dava fastidio...ho pure controllato per scrupolo...sta di fatto che tanto ha detto, tanto ha fatto che alla fine non è riuscito a trattenerla e se l'è fatta addosso! Mi sono arrabbiata tantissimo, non per la pipì in sè, che soprattutto dopo le bevute in piscina può capitare, quanto per le bugie e le storie raccontate pur di non andare in bagno.
Per quanto riguarda la notte invece ho sempre aspettato che fossero asciutti per qualche tempo prima di togliere tutto, in quanto durante la notte la pipì non è qualcosa di conscio che si può allenare, ma qualcosa che riguarda la chimica, la genetica e le situazioni.
Quindi il Vitellino ha tolto il pannolino la notte dopo l'arrivo del Francese, anche se probabilmente avrei potuto farlo prima, ma ero troppo sfinita per pensare anche a quello, inoltre non volevo ricadute per la nascita del fratello. Ogni tanto capitano incidenti, non mi importa più di tanto, ma per lui invece deve essere un guaio perché inizia a raccontarmi e a raccontarsi bugie: "sai mamma non ho fatto pipì, ho solo sudato tanto" questo entrando nel mio letto per una coccola mattutina...immaginate me, nel torpore del sonno, che ascolto queste parole e quindi so che sta entrando nel MIO letto tutto pisciato!! Hulk...
La Belva...eh, la Belva invece non è ancora nemmeno andata vicino a togliere sto benedetto pannolino notturno, è proprio fuori dalle sue possibilità. Ci sono addirittura dei pomeriggi in cui fa la siesta che fa pipì e la cosa peggiore è che non se ne accorge proprio, rimane bagnata delle ore!! Quest'estate c'è stato un periodo in cui non si bagnava e quindi abbiamo tentato, visto che anche lei non vede l'ora di levarsi questa croce, ma dopo qualche giorno le pipì sono ricominciate e nemmeno portandola a fare pipì a metà notte (cosa che aborro, ma che ci ha chiesto lei!) la cosa ha funzionato, perché una volta siamo arrivati che era già in un lago.
In tutto questo ogni pipì, ogni bugia diventa per me momento di angoscia, di senso di colpa, di riflessione profonda, perché si sa che la colpa è sempre della mamma che non sa gestire emotivamente una situazione, di un papà che spesso e volentieri è assente, di una famiglia al di fuori dai canoni, dalla routine, dalla normalità...insomma ecco come ci dipingo nella mia testa bacata e ecco come mi si insinua il fottuto senso di colpa per aver scelto questa vita, per essere quella che sono, per aver deciso di seguire il lavoro del Navigante lasciando questi bimbi senza radici.
Tutto questo per qualche incidenti di pipì e naturali bugie dell'età, perché razionalmente lo so, ma chi me lo dici che in effetti non stia sbagliando tutto, rovinando inesorabilmente la vita dei miei bimbi? Quando poi rimango sola qualche tempo mi faccio delle pippe mentali che manco Freud...poi me ne rendo anche conto, ma ciò non toglie che continuino a venire e a farmi impensierire. Bello essere mamme eh?!

6 commenti:

  1. Oggi vedo che stiamo tutte con le paranoie!!! 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io quando sono sola, sono tremenda: tra il non poter confrontarmi con nessun adulto e le oggettive difficoltà di dividersi per tre, arrivo sempre stanca, stressata e stracolma di sensi di colpa per la madre pessima che divento.
      Tanta stima alle madri single, sempre detto, io non ce la farei!

      Elimina
  2. Quando il mio primo figlio faceva ancora (sporadicamente ) pipì a letto intorno ai cinque anni ero anch'io così. Con lui comunque minimizzavo.il dottore mi aveva detto che poteva ancora capitare e di non preoccuparmi. Poi in effetti è passato. E direi che non ci sono state assolutamente conseguenze sulla sua psiche.
    Se sei serena tu lo sarà anche la belva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la tua esperienza.
      Razionalmente so che ci sono bimbi che vanno avanti tantissimo e che poi passa da solo, emotivamente però mi sembra sempre che possa essere un segnale che qualcosa non va, ovviamente per causa mia!

      Elimina
  3. Ciao, il mio maggiore ha continuato fino ai 7 anni alternando momenti in cui non la faceva a momenti in cui capitava tutte le notti. Tanto che ad un certo punto, stanchi di portarlo in bagno a metà notte e di lavare le lenzuola tutti i giorni, gli abbiamo rimesso il pannolino ("mamma, ma lo devo dire ai miei amici?").
    Il secondo, tolto il pannolino a 2,5 anni di giorno e di notte contestualmente.
    E facciamo una vita molto più "ordinaria" e stanziale della vostra...
    Ognuno è una storia a sè, lasciamo stare i sensi di colpa!
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per il tuo commento e per aver condiviso la tua esperienza...fa sempre bene ascoltare i racconti degli altri e vedere che tutto il mondo è paese ;)

      Elimina

I commenti sono graditissimi, se firmati ancora di più!