mercoledì 12 ottobre 2016

Quando sei expat certe cose rimarranno sempre dei misteri

Ormai dopo tre anni abbondanti qui in Francia, davvero capisco tutto e riesco anche ad adattarmici.
Capisco il senso di voler fare una cosa il prima possible e togliersela di torno senza pensarci più, come per esempio comprare cartelle e materiale scolastico per l'anno nuovo a giugno (!!!) quando ancora la scuola deve finire (qui finisce a inizio luglio).
Capisco il voler rincorrere le offerte che qui arrivano periodicamente, non si scappa quindi: a giugno appunto troveremo i materiali scolastici, a settembre divani, letti, biancheria di casa (non si capisce tutta sta voglia di cambiar divani a settembre...), in autunno grandi offerte su tutto il quotidiano tipo salute, cibo da colazione, formaggi (si fa scorta per l'inverno tipo formiche), a marzo il mobilio da giardino per la stagione calda che sta per arrivare.
Capisco, anche se già di meno, il volersi organizzare per tempo su feste e avvenimenti vari, che qui la gente ha sempre mille impegni, mille figli con altrettanti impegni e una routine che guai a scombussolarla, insomma fare la spesa decisamente non è una priorità, infatti la spesa online e il cibo da asporto sono un must to do se vivi qui.

Però, ecco, proprio no, non ce la faccio a capire com'è che non siamo nemmeno a metà ottobre, ancora prima del primo round di vacanze dall'inizio della scuola, e già iniziano ad arrivare per posta i cataloghi dei giochi per Natale e nei supermercati iniziano a essere venduti panettoni e dolcetti da appendere all'albero!! Fateci almeno festeggiare Halloween prima no?!?
A qualche expat disperato: il Lidl vende un fantastico pandoro della linea natalizia La Favorina (di cui consiglio anche i biscotti austriaci a forma di cuore ricoperti di cioccolata con la marmellata dentro e i dolcetti con uvetta e pasta di mandorle) che viene fatto nello stabilimento della Bauli...chi vuole intendere, intenda...Io ce ne ho già uno pronto da aprire per la colazione di sabato insieme al Navigante!

11 commenti:

  1. ....non ce la potrei fare!
    Io applico la filosofia del giorno dopo: sono sempre in stra-ritardo su tutto!
    Non sono per niente francaise!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa divertente è che poi non è che la roba non si trova, tipo a settembre c'è tutto per la scuola...solo che è scontato!!! Idem so già che sotto Natale il pandoro La Favorina mi costerà la metà!
      Sono proprio strani...

      Elimina
  2. cara, io su suolo bresciano ho già visto il primo panettone.. O_O
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà qui trovi i panettoni tutto l'anno!! A Natale trovi quelli fighi nelle scatole di metallo.

      Elimina
  3. Pensare già a Natale a metà ottobre non ce la posso fare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungi poi che qui arriviamo ancora ai 20° e se esce il sole una capatina in spiaggia ci sta tutta...magari al prossimo picnic in spiaggia potrei pensare di portare il pandoro!!!

      Elimina
  4. oh ma per quello mica serve essere expat. All'Esselunga sotto casa mia lunedì ho trovato pandori e panettoni. Ma si può!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io che pensavo di poter dare per l'ennesiva volta del rincoglioniti al popolo francese :D E invece no, pare essere una moda internazionale...
      Se fosse solo per il pandoro non mi lamenterei, lo potrei mangiare anche tutto l'anno, ma tutto il resto, anche no!

      Elimina
    2. concordo moltissimo!!!!!!!!! Almeno laciamo passare Halloween, eh??

      Elimina
  5. Mmmhhhh il pandoro con le gocce di cioccolato. ...per me vi potrebbe stare sempre al supermercato! Io ancora non l'ho trovato altrimenti con la forza di volontà che mi ritrovo sarebbe già a casa e aperto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi siamo già a quota 1 pandoro mangiato!! :D

      Elimina

I commenti sono graditissimi, se firmati ancora di più!