mercoledì 8 febbraio 2017

Questo viaggio non s'ha da fare...

Ricordo che quando mia sorella si sposò, mio padre rifece tutto il giardino, perché lì avremmo festeggiato dopo la cerimonia: lo arò, lo riseminò e per mesi non potemmo camminarci. Ma era il 2003, una delle estati più calde degli ultimi anni e l'erba sembrava non voler crescere.
Mio padre guardava quel giardino sconsolato e bonfonchiava continuamente "questo matrimonio non s'ha da fare"...che detta da lui questa frase, un operaio con la terza media, che si autoproclamava ignorante non studiato senza troppi giri di parole, faceva un po' specie.
E quindi con questo ricordo in testa penso al mio tanto agognato viaggio in Costa Rica, che ho deciso di annullare, almeno per quanto riguarda me. Perché mio padre è peggiorato. Un'infezione l'ha colpito riempiendolo di catarro che non lo lascia respirare, quindi l'hanno rimesso in terapia intensiva, con un nuovo antibiotico, ma le parole di mia madre sono state "i dottori non se la sentono di dirmi che migliorerà".
Io ho deciso di partire per l'Italia, tra l'altro ho un volo giusto domani, ho detto al Navigante di andare lui coi bimbi e i suoi genitori in Costa Rica, ma non vuole, quindi credo che partiremo in macchina o stanotte o domani.
Forse andremo là, lo abbraccerò e poi lui ancora una volta riuscirà a uscirne. Forse non riuscirò nemmeno a salutarlo un'ultima volta. Quello che so è che la vita da expat in questo momento mi fa davvero schifo.

8 commenti:

  1. Un abbraccio super grande!
    Altro non c'è da dire.
    (E comunque se abitassi a Palermo e loro a Torino, sarebbe la stessa cosa. Le distanze pesano, è vero, ma forse pesano di più le distanze di cuore, non le tue.)

    RispondiElimina
  2. Spero che arriverai in tempo... Pure a mia sorella accadde che due vacanze in Italia si trasformassero in assistenza ospedaliera a mia madre. Comunque vada, hai il mio abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Io ho mio fratello in Francia e la lontananza è durissima. Per ora l'abbiamo sperimentata fortunatamente solo per cose belle (nascita di nipotini) quindi immagino in una situazione come la tua quanto sia insopportabile!
    Un forte abbraccio!!!

    RispondiElimina
  4. Coraggio, stai andando nel posto dove devi essere con la tua famiglia. State vicini

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutti.
    Mio padre ci ha lasciati giovedì mattina, sia io che mi sorella siamo arrivate in tempo per l'ultimo abbraccio, anche se lui non era cosciente.
    Ora rimarrò un po' qua, devo prendermi cura della mia mamma.

    RispondiElimina
  6. Un abbraccio fortissimo...
    Maria

    RispondiElimina

I commenti sono graditissimi, se firmati ancora di più!