lunedì 24 giugno 2019

Figlio unico

Se noi non ci incasiniamo la vita, non siamo noi. Questo weekend è stato proprio un piccolo assaggio di come è la nostra organizzazione della vita in generale.
Partiamo dal presupposto che siamo dovuti salire da me per lasciare la gatta Koala a mia madre, visto che ce ne andiamo via un mese con il camper, e per dare una prima occhiata a piastrelle e sanitari; tutto semplice: si sale venerdì, si scende domenica.
E invece no! Perché il Navigante è stato mandato in Norvegia per una conferenza lunedì e martedì, quindi lui sarebbe partito sabato sera o domenica mattina presto per rientrare e poi partire, mentre io sarei dovuta tornare giù coi tre nani da sola e martedì portare al controllo dei denti del Vitellino anche i due fratelli.
Allora, dopo richiesta inoltrata al lavoro, abbiamo organizzato quanto segue: lui è partito domenica mattina da Venezia e rientra martedì notte sempre a Venezia, dorme su, recupera macchina, due nani (che nel frattempo se la stanno spassando con la nonna) e rientra mercoledì pomeriggio.
Io in tutto questo sono scesa in treno da sola con il Vitellino per portarlo domani al controllo. Per molti può sembrare una sfaticata: valigia, nano e panza; invece è stato uno dei viaggi più rilassanti che io abbia mai fatto negli ultimi anni.
A parte qualche pianto passeggero in cui il Vitellino invocava la presenza dei fratelli (!!), tutto è filato liscio come l'olio: i cambi treno, la scelta di cosa mangiare, la puntatina alla Giunti per comprare un libricino (pur non avendogli preso il fumetto che voleva lui), le lunghe ore piene di noia che lui di solito non sa gestire, le corse in mezzo alla gente per prendere il trenino a Tiburtina, la spesa appena arrivati a casa, la doccia prima di cena...
Ha iniziato a fare il solito spettacolo solo quando sono venuti i vicini a bersi una birra, ovviamente con prole al seguito, per il resto mi sembrava di avere un altro bambino! Sono riuscita a leggermi tre capitoli di un libro e lui ha letto sia il libro di scuola che i suoi fumetti, fatto i cruciverba, giochicchiato con il tablet (senza lamentarsi troppo quando ho detto stop), guardato fuori dalla finestra...tutto nell'assoluta e facilissima gestione.
Con il quarto in arrivo e i mille dubbi che continuo ad avere sul fatto di aver fatto la scelta giusta, questi giorni con un figlio unico mi lasciano davvero insofferente. Sono sempre stata pro figli, il figlio unico mai e poi mai nella mia mente, ma questa facilità mi ha disarmata...quanto tutto sarebbe semplice, anche le trasferte del Navigante, quanta energia in più, quante urla in meno.

...quanta noia...

Lo so, ne sono perfettamente conscia che mi annoierei da morire, ma alle volte un po' di noia nella vita non farebbe mica poi così male, no?
Comunque i dubbi non se ne vanno e io mi sento proprio male e ho paura che questo mio atteggiamento non sarà di grande aiuto. La mia parte razionale però mi dice anche che gli ormoni spesso giocano brutti scherzi e devo solo aspettare, tutto andrà bene.
Vabbè, godiamoci un po' di noia!

7 commenti:

  1. Cara la mia Comare!
    Complici le vacanze casa mia è un porto di mare. Quindi la sera, a cena, non siamo mai 'solo' noi 6 ma c'è sempre qualche amico che si aggiunge....
    Delirio, direi che qui è veramente tutto un delirio!
    Sappilo: sarà così!!
    Ed è BELLISSIMO!! Stancante ma bellissimo!
    Noia?? ...non conosco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma è meglio che mi goda quella poca che mi arriva...

      Elimina
  2. Mia moglie mi ha appena raccontato praticamente la stessa cosa. Ha passato qualche giorno da sola con 2016 e questa si è trasformata nella bimba perfetta. Insomma quando si è abituati a fare i giocolieri con 5 palle trovandosi a giocare in due pare tutto semplice e "quasi" noioso.
    Un saluto
    Lorenzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me dipende anche un po' da loro, i bimbi intendo. Forse avendo il genitore tutto per sé si sentono più tranquilli o non avendo chi disturbare, magicamente stanno buoni. Non lo so, però è stato fantastico!

      Elimina
  3. Scusate ma in che senso si è esplicitata questa "trasformazione" ? Per confronto l' unica è parlare con qualche genitore mono-figlio/a che ti puo' dire se gli unici ( oltre ad essere tristi e soli come barboncini ) sono anche tranquilli e silenziosi oppure fanno i capricci anche loro. Secondo me dipende anche dal carattere individuale piu' che dal numero dei figli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che i fattori siano due: uno i genitori abituati a "sorbirsi" 3 nani per cui i capricci di 1 sono nulla; due il bambino abituato a "lottare" con due fratelli per ogni cosa, attenzione dei genitori in primis.
      Detto questo, il figlio unico è facile ed è stato bello per qualche giorno, ma io non sono assolutamente una da mono-figlio mi pare ovvio visto che sono incinta del quarto!

      Elimina
  4. Ti dirò..anche da me quando uno dei 3 resta solo magari con un solo genitore, cambia; il grande ogni tanto la domenica mattina va a farsi circa 15 km in bici sul lungomare con il padre, e lì mio marito mi dice che sembra sia un altro bambino..idem quando la mezza resta sola che magari la mini dorme e il fratello è fuori. Io mi sono fatta l'idea che i nostri figli abbiano bisogno di un po di tempo esclusivo monogenitore, che essendo noi in minoranza qui è sempre caos e non si riesce spesso a dare la giusta attenzione a ognuno di loro, da lì capricci e quant'altro.. Però ti dico questo, io ho una sola nipote che è figlia unica, si passa 7 mesi con mio figlio, 7 anni lei 8 lui e beh lei è tremenda altro che tranquilla. Si annoia spesso e quindi o chiede di stare da me o mi chiama con il telefono di mia mamma quando resta da lei, per chiedermi a che ora arrivo io con la prole che si annoia. È capricciosa all'ennesima potenza e fatica a dividere le cose, anche quando va al mare mia cognata mi chiama per sapere ae vado, altrimenti lei dopo un po si annoia..quindi ecco proprio una passeggiata non è...i dubbi con il 4 in arrivo sono più che legittimi eh..ma hai fatto la cosa giusta vedrai che sarà meno difficile di quanto pensi e sarà bellissimo!!

    RispondiElimina

I commenti sono graditissimi, se firmati ancora di più!