lunedì 7 luglio 2014

Finalmente il nostro gruppo d'acquisto!

Quando ho iniziato questa sorta di percorso di decrescita, uno dei punti che mi ero prefissata era il far parte di un GAS (= gruppo acquisto solidale), progetto che slittava tra continui spostamenti, nascite, montagne russe fisiche ed emotive, e che pensavo definitivamente accantonato quando è iniziata la nostra avventura in terra francese.
Ma le vie del Signore sono infinite e, in una calda mattina di giugno, perdendoci in un paesino alla ricerca dell'ambulatorio dell'osteopata per il Vitellino (altra cosa che ho rimandato per mesi e che finalmente sono riuscita a fare), siamo finiti in un minuscolo ma super fornito ufficio del turismo. Tra le varie brochure, abbiamo trovato alcuni interessanti libercoli tra cui quello dell'AGRIBIOVAR, l'associazione degli agricoltori biologici del dipartimento del Var.
Sbirciando mi sono trovata a leggere degli AMAP (Associations pour le maintien d'une agriculture paysanne), un gruppo d'acquisto per mantenere attiva l'agricoltura paesana di tutta la Francia. Ho letto mi sono infonrmata, ho guardato un po' in giro e con gioia ne abbiamo trovato uno che facesse al caso nostro (ossia che vendesse verdura e ortaggi) proprio in una cittadina a pochi km da Toulon.
Funziona così: ci si iscrive per 6 mesi, si può decidere per un paniere di 22 euro (stimato per una famiglia di due adulti e 2 bambini) o un mezzo paniere di 11 euro a settimana e il giorno scelto si va a recuperare i prodotti, che variano a seconda della stagione e di quello che è disponibile al momento. In più ci sono altri prodotti che settimanalmente si possono ordinare come olio, formaggi, vino, birra.
Giovedì scorso siamo andati a recuperare il nostro primo paniere: 2kg e mezzo di zucchine (tra tonde, normali o gialle!!), 5 barbabietole grandi, 2 barbabietole piccole, 1 kg e mezzo di fave, 1 peperone verde (aperitivo della serata), 2 piedi di cicoria, 1 piede di insalata, 2 mazzi di cipollotti, 1 mazzolino grande di erbe aromatiche (basilico, già trasformato in pesto, e salvia, che è finita con il pollo e il limone venerdì sera) e cipolle quante se ne voleva. In più avevamo ordinato una toma piccola da mezzo chilo circa di formaggio di pecora.
Sono contenta di questa decisione, eccitata per i prodotti nuovi che imparerò a cucinare e consumare, come le barbabietole ad esempio, curiosa di conoscere meglio le persone che fanno parte di questa associazione. E soprattutto contenta di aver aggiunto questo tassello al nostro puzzle natural!

9 commenti:

  1. qua in polonia d'estate ci danno di brutto a cuocere le barbabietole al vapore con una mezza cipolla e poi passarle, farle raffreddare, aggiustare di sale, mescolare con yogurt bianco non zuccherato e fettine di ravanelli, e'; una delle loro tipiche zuppe fredde :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scartabellando su internet avevo trovato diverse ricette di zuppe fredde, ma ammetto che non le amo molto come piatto. Ho invece trovato un hummus viola che voglio provare e poi finiranno crude a dadoni nel mio appuntamento settimanale estivo con l'insalatona!

      Elimina
  2. Bio è bello!!!!
    Adoro le iniziative a km 0!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piacciono molto, grazie al cielo ce n'è sempre più!

      Elimina
  3. C'est génial!
    Même ici à Wattrelos il y a quelque chose de semblable :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Je pense qu'il y a des chose comme ça un peu partout dans le monde, j'ai parlé avec des Anglais e une femme américaine et ils m'ont dit que même dans leur pays il y a.

      Elimina
  4. Pour de vrai?!
    Je n'ai jamais parlé à un/une Américain/Américaine.
    Quelle chance!!
    Je l'aime (sourtout les fruits) à zéro km.
    Dans ma maison, j'ai un arbre d'abricots et de cerises, et l'été dernier j'ai fait quelques caisses de fruits agréables à zero km.
    Depuis que j'ai eu tant de fruits, je fait don de certaines de mes parents et beaux-parents.
    (L'arbre est en place, et mon mari, a été monté avec l'échelle pour prendre la fruit).
    Il a fait un très bon travail.
    Les abricots, les cerises aimé que toute la famille, y compris mes enfants, grands-parents et beaux-parents. :-)

    RispondiElimina
  5. Dopo tanto tempo sono ritornata a "curare" il mio blog e ho trovato un tuo commento di tanto tempo fa....e ora eccomi qua!

    Da 7 anni abbiamo un G.A.S. di cui sono responsabile e sono sicura ti troverai benissimo. Bella l'idea di comprare sano e equo ma altrettanto bella la possibilità di incontrare persone interessanti! Dall'anno prossimo cerco di cedere la responsabilità del Gruppo ma non lascio di sicuro questa bella opportunità!
    a presto

    alessansra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, una bellissima opportunità, soprattutto qui in Francia, dove non è così scontato e facile fare amicizia ;)

      Elimina

I commenti sono graditissimi, se firmati ancora di più!