mercoledì 18 settembre 2019

Note come piovesse...

La scuola è iniziata da 5, e ripeto 5 giorni, e il Vitellino si è già beccato una nota personale e una nota di classe.
La prima riguardava il fatto che aveva buttato via la sua merenda e poi aveva chiesto un pezzo della merenda di un suo compagno.
Quella invece ci classe c'entra con il fatto che i bambini chiacchierano e fanno caos in classe disturbandosi a vicenda.

Ora, premettiamo per chi ancora non l'ha capito, che io sono pro regole, pro limiti, pro seguire le istituzioni. Però però...a me sta maestra sta iniziando a rompere il c@zzo e scusate il francesismo! Sarà la gravidanza, sarà che ho finito l'anno con un po' di amaro in bocca (con una pagella di tutti 10 tranne tre 9, ma sufficiente in comportamento...che manco un bullo...), ma questo utilizzo continuo di note a me pare controproducente.

Parlando della nota personale mi viene da dire, sinceramente: ma io che ci devo fare con sta nota?!? Scusatemi, ma se io sono la maestra di quel bambino che butta la merenda, gli faccio un cazziatone che Dio solo lo sa e poi non gli faccio mangiare nient'altro! Tutt'al più ne parlo con la madre se penso sia così importante (ma alla prima volta che succede anche no), ma la nota? E a cosa servirebbe? A scaricare la patata bollente a me che però in classe non ci sono! E' successo lo stesso l'anno scorso più volte su cose diverse, quello che lui fa in classe, con me non si azzarderebbe mai e se si azzardasse riceverebbe cazziatone ed eventuale punizione. Come mai in classe si permette certe cose? La mia risposta più ovvia è che c'è poco polso da parte degli insegnanti.
Lo stesso vale per la nota di classe. Cioè, ma al quinto giorno già la classe è così ingestibile da avvisare tutti i genitori e mettere una nota di classe? Non è che semplicemente devono trovare un equilibrio magari o che magari la maestra deve trovare un altro modo per mantenere l'ordine.

Non voglio fare la parte della madre che giustifica il figlio e non crede nelle insegnanti, ma io ho un problema di scoglionamento da scuola e tutto questo non fa che aumentarlo. So benissimo che mio figlio non è uno stinco di santo, ha un disperato bisogno di imparare a controllarsi e io alle volte gli sono anche fin troppo col fiato sul collo.
La cosa che mi fa più incazzare poi è che hai colloqui non fanno che elogiarne l'intelligenza, la velocità di apprendimento, la brillantezza, la bontà d'animo e io sinceramente non so cosa rispondere.
Siamo al quinto giorno di scuola e sono già esaurita!

23 commenti:

  1. parlavo del problema scoglionamento da scuola proprio qualche giorno fa.. non so cosa farei se avessi un figlio da mandare a scuola :D

    RispondiElimina
  2. Cara la mia comare, noi abbiamo scelto di iscrivere Junior alla scuola media di fuori paese, e non in quella dove vanno tutti i sui compagni, proprio per questo motivo.
    Ho passato 3 anni da galera con Medio proprio per questa situazione: una incapacità dei proff nel gestire i ragazzi. E allora vai di note a tutto spiano e di programmi scolastici fatti col cu*o!!!
    Io sono come te: mazzate!! Ma tante!!
    Te lo dico col cuore: cambia. Cambia adesso che è all'inizio! Più si va avanti peggio è!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda...io cambierò comunque...ti ricordi che lavoro fa mio marito no?? Per questo sto aspettando, so già che lui non farà tutte le elementari qui, quindi...però nel frattempo...

      Elimina
  3. Salve Mito di Donna,
    ti seguo da 1 anno (ho riletto tutti i post precedenti:complimenti
    per come Sei!), ma questa volta non posso non commentare.
    Sono d'accordo con te, dall'inizio alla fine. Mamma di uno
    ora 13enne con maestre... che gli hanno fatto passare la voglia
    e l'entusiasmo per la scuola. La bontà ed altruismo per fortuna no. Ciao, Cinzia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Complimenti non sempre meritati!
      Io ho la fortuna/sfortuna di sapere che me ne andrò da qua sicuramente nei prossimi anni, però per ora...

      Elimina
  4. Posso chiederti come hai reagito alla prima nota che ha portato a casa (quella individuale intendo)? In quanto insegnante ti posso assicurare che prima di mettere una nota ci si pensa due volte, probabilmente sarà successo anche qualcosa prima e la merenda sarà stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso..ti chiedo come hai reagito perchè noto sempre più spesso che i bambini che temono la reazione dei genitori a casa dopo una nota ci pensano almeno due volte prima di comportarsi male, i bambini che a casa vengono soltanto blandamente rimproverati fanno finta di niente e il giorno dopo succede la solita cosa! E quando ne hai 20 che se ne "sbattono" delle regole,credimi, è difficile fare bene il proprio lavoro. Ti assicuro che sono proprio i primi giorni in chi i bambini devono riprendere la routine e sono più ingestibili! Comunque con un po' di collaborazione tra docenti e famiglie sono sicura che le note si ridurrebbero, a meno che non sia il caso di una maestra del tutto incompetente (ma non ce ne sono così tante dai)!
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Blandamente rimproverati non sono due parole che mi si confanno, credimi! E ti garantisco che ad ogni nota è seguito cazziatone con tanto di punizioni l'anno scorso. Stavolta l'ho solo ripreso e non blandamente, che se lo vedo io buttare il cibo non hai idea di cosa gli combino!! Io decisamente non sono una mamma che se ne fotte delle regole...
      Mio figlio ripeto non è uno stinco di santo, ma note così mi paiono assurde. Ha bisogno di imparare a gestirsi, a frenarsi, io a casa lo faccio te lo assicuro, ma a a scuola non è compito mio!

      Elimina
    2. Non stavo certo insinuando che fossi una mamma che se ne frega delle regole, ci mancherebbe! Secondo me hai fatto bene a dare punizioni e anche se adesso ti sembra che non serva penso che in futuro vedrai i frutti di ció che hai seminato. Per la scuola è complicato, non si può giudicare dall'esterno e nemmeno mi sento di condannare la collega, ci sono momenti in cui la classe ti fa davvero sclerare e siamo umane anche noi! Le note di classe le trovo un po' senza senso, cosí come le punizioni collettive a meno che davvero tutti tutti abbiano fatto qualcosa di grave (ma è rarissimo), quindi di direi di soprassedere su quelle..sulle individuali sinceramente è vero che chi a casa è seguito è forse più soggetto a riceverle se se le.merita perchè si ha di solito un riscontro. Se io scrivo tre note a un bambino e il genitore nemmeno le legge non credi sia frustrante anche da parte nostra? Lascio perdere e me la sbrigo senza la collaborazione dei genitori, Ma ti assicuro che l'effetto non è il solito!

      Elimina
  5. Oh mamma! Capisco l'amaro per la pagella, poichè il ricciolino lo scorso anno ha finito con voti belli, elogi per impegno e capacità ma critiche per il comportamento e note collezionate, tutte per due motivi: nell'intervallo gioca troppo vivacemente con i compagni (calcio con la palla di gomma, lotta e corse, come gli altri cinque maschietti della classe, nulla di cosi' strano) e perchè ha insultato un compagno con cui non vuole giocare perchè non gli sta simpatico. Sai quale era l'insulto scritto nella nota? Gli ha detto: "Sei scarso" mentre giocavano a calcio e questo bambino, con genitori molto apprensivi, ha riferito piangendo alle maestre. Alla riunione di fine anno hanno parlato di bullismo verso questo bimbo perchè pare che tutti i maschietti non vogliano giocare con lui, perchè lui se non vince piange, se non sceglie lui i compagni di squadra, piange, se non fanno il gioco che decide lui, piange. Ecco, io capisco che bisogna stare attenti al bullismo, che è da piccoli che si pongono le basi per il rispetto degli altri pero' se sei bambini riferiscono un certo atteggiamento del compagno, un fondo di verità ci sarà? E comunque, come possiamo noi genitori obbligarlo a giocare con quel bambino, se non siamo in classe, o riprenderlo se non sappiamo cosa è accaduto? Insomma, è davvero difficile a volte saper come reagire ad una nota che racconta episodi cosi' al limite. E poi al quinto giorno?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco esatto, al quinto giorno??
      Lo so che la nostra è una classe "difficile", ma la maestra deve trovare il modo di imparare a gestirla e sparare note a raffica non mi pare il modo ideale a mio modo di vedere...

      Elimina
  6. Mah la prima la vedo più come un avviso che come una nota... occhio mamma che tuo figlio sputa nel piatto dove mangia, cambiagli merenda o rimbrottalo. Pure il mio alle elementari faceva lo stesso, e l'ho saputo al colloquio :(
    Sulla nota di classe non so cosa dire, cosa succede in quell'ambito non lo sapremo mai. Se la classe è numerosa, ne bastano 4 più vivaci per turbare tutto l'andamento...
    Sei solo all'inizio, il bello verrà col registro elettronico :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo anche quello tranquilla! E non sono all'inizio perché questa è una situazione che si trascina dall'anno scorso. Come dicevo, la classe non è numerosa, ma non facile da gestire, purtroppo la maestra ancora non ha trovato un modo adeguato secondo me.
      Anche lei dice che queste sono comunicazioni scuola-famiglia, ma per i bambini sono note. Io ne avrei parlato con la madre all'uscita molto semplicemente, avrei cercato di arginare il problema in classe...perché poi mi domando, ma com'è che questo si alza e butta via la merenda e la maestra se ne accorge solo a cose fatte? Quasi quasi dovrei essere io a dovermi incazzare...

      Elimina
    2. Qui avanzo la sensazione che i docenti abbiano sempre meno voglia di parlare con le famiglie, per paura di essere cazziate al posto dei pargoli.
      Se penso che la maestra mia delle elementari i più vivaci della classe li scotennava a scappellotti e lo trovavamo perfettamente normale... oggi sarebbe in galera...

      Elimina
    3. Guarda io sono una che crede fermamente nelle istituzioni e la maestra è un'istituzione, non voglio criticarla perché mette le note a mio figlio, che so bene necessiti di essere tenuto alle strette, ma c'è modo e modo. Così non è modo, né per mio figlio, né per gli altri.
      So quanto adesso sia difficile per le maestre, mentre una volta avevano campo libero su tutto, però non può essere sempre causa delle famiglie. A casa mio figlio ha regole e limiti precisi e severi, dovrebbe essere lo stesso a scuola. Il problema grande è che molti non hanno regole e limiti a casa quindi le maestre danno per scontato che il problema sia là!

      Elimina
  7. Dalla mia esperienza ho capito che gli insegnanti preferiscono
    mettere le note o riprendere gli alunni più corretti (con "più" educazione familiare alle spalle) (e poi da noi sono intoccabili i figli di questo e quello, tipo avvocato, imprenditore ecc...) semplicemente perché è più facile per loro. MOLTO MENO CORRETTO agli occhi dei bambini: vedono e capiscono che la nota,non essendo TUTTA meritata, non è così grave da prenderla in considerazione. Da quando alle medie abbiamo cambiato scuola (neanche fossi io ad andarci!) ed abbiamo trovato insegnanti con molta esperienza (severi ma corretti) e dirigenti che sanno fare il loro lavoro lui va a scuola di corsa, ed io inizio la giornata con un sorriso ed estremo sollievo. Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che mi spiace è che la maestra mi piace, l'unico problema è che non riesce a gestire questa classe, che tra l'altro è stata creata anche un po' volontariamente così turbolenta.
      Tra l'altro la maestra di mia figlia è invece impeccabile e quando ce ne andremo (perché ce ne andremo presto causa lavoro di mio marito) piangerò lacrime amare per doverla perdere.
      Non avevo pensato che sia più facile riprendere chi ha una famiglia alle spalle che educa davvero...

      Elimina
  8. Io con la scuola ho un problema che va ben oltre lo scoglionamento ma Voglio fare quella "diplomatica" che incassa e non tira fuori una parolaccia nemmeno a pagarmi però ti dico che non vedo l'ora che il mio vada alle medie così finalmente cambieremo classe e insegnanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ma così mi metti curiosità!!!!

      Elimina
    2. Dovrei scriverci un poema ma sarebbe di una bruttura tale che non lo leggerebbe nessuno. Mai detto una parola contro a nessuno, compagni, maestre e genitori ma non vedo l'ora che esca da li.

      Elimina
    3. Anche io tendo a non dire mai niente, ma mi sto anche un po' rompendo le palle...essere in gravidanza non mi aiuta nella mia già scarsa diplomazia...

      Elimina
  9. Ahaha, "mammapiky", ti darei una mano a scrivere il poema e ti assicuro che in molti lo leggerebbero: pochi hanno il coraggio di dirlo. Mio figlio ora frequenta una scuola media non del quartiere ed uno dei motivi è che non volevo più vedere le facce di alcune mamme. Quando le incontro per caso in giro le ignoro come se fossero "trasparenti", mentre il mio educato ragazzetto le saluta...Non ha preso da me per fortuna! Cinzia

    RispondiElimina
  10. "L'angolo di me stessa": purtroppo non sono in gravidanza (lo vorrei così tanto) e ti assicuro che comunque la mia diplomazia/educazione davanti a certe persone svanisce...viene fuori un lato "selvaggio" che non pensavo di avere (o forse sì!).In genere sono sì molto schietta ma sempre con humor e controllo "inglese": con loro ho provato, ma vedere il proprio figlio di 8 anni dare di stomaco tutte le mattine prima della scuola...e sentirsi dire dalla "simpatica" maestra "forse avete problemi a casa"...Ho resistito fino all'ultimo giorno della 5°
    ed ora anche lei è entrata nel club dei "fantasmi": in un'occasione che ci siamo proprio sbattute casualmente mi ha anche salutato. IO NO, e non l'ho neanche azzannata come avrei voluto.Scusate delle sfogo. Cinzia

    RispondiElimina

I commenti sono graditissimi, se firmati ancora di più!