venerdì 15 febbraio 2019

Detto...fatto!

Alla prima gravidanza, quella molare, non ho fatto in tempo a fare il test di gravidanza che tutti lo sapevano, non ho mai avuto quella cosa di scaramanzia che mi facesse stare zitta. Poi però è andata come è andata e con la Belva e il Vitellino ho aspettato la prima ecografia di datazione, per essere sicura almeno che non fosse una mola.
Con la quarta gravidanza avevo riperso la voglia di scaramanzia e l'ho detto subito a chi mi stava vicino in quel momento (le famose alleate) e ringrazio di averlo fatto perché quando mi hanno ricoverato per il raschiamento ho avuto un'ondata di amore e abbracci che mai mi sarei aspettata nemmeno dal Navigante! Ah, le donne questo mondo a volte cattivo, a volte così meraviglioso...
Con il Francese ho fatto finta di niente, lo dicevo se me lo chiedevano, non tenevo nascosto niente, non dicevo niente di più. Alcuni che mi vedevano ogni giorno (tipo le maestre della creche), l'hanno scoperto al quinto mese, complice il fatto che i primi mesi invece di prendere chili ne ho persi, causa svariati malanni uno dietro l'altro.
E ora? Ora sono rimasta incinta talmente velocemente, ancora con mille dubbi addosso, che quasi mi vergogno a dirlo in giro. Ho pregato negli anni pre Belva di rimanere incinta ogni dannato mese e non sopportavo chi ci riusciva quasi senza volerlo. Ecco praticamente non sopportavo la mia me di 10 anni dopo!
Ovviamente mia madre, mia sorella e i bimbi lo sanno (ho fatto il test con loro ed è stato magico davvero!), un paio di amiche, ma nessuno qui intorno ne è a conoscenza e anche sul blog ci ho messo un bel po' di tempo a decidermi di scrivere qualcosa., anche se avrei una voglia matta di lamentarmi delle nausee che mi attanagliano, di discutere delle paure, dei dubbi e dell'ansia che all'inizio non mi facevano dormire e, soprattutto, di pianificare questa nuova vita che si sta prospettando. Sento questo bisogno soprattutto perché in queste ultime due settimane sono stata senza Navigante e sono rimasta sola coi tre, visto che mia madre non ha potuto muoversi con così poco preavviso.
E' stata dura, ma i bimbi sono stati quasi impeccabili, mi hanno aiutato tantissimo e a parte un paio di giorni della scorsa settimana hanno limitato tantissimo i capricci. E' stata dura per le nausee e una stanchezza cronica dalle tre di pomeriggio, ancora adesso mi chiedo come sono sopravvissuta tutti i giorni fino alle 21 senza crollare in piedi!
E insomma eccomi qua un'altra volta...ancora mi chiedo...ma perché? Se la vita non è incasinata non ci piace per niente eh?!

18 commenti:

  1. Congratulazioni e buon reinizio :-)

    RispondiElimina
  2. Beh...congratulazioni! Non ho idea di come tu abbia trovato il coraggio, ma come ne hai affrontati 3 ne affronterai 4! Come si chiamerà , il Romano/la Romana? XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente non ho idea nemmeno io...e non penso che si tratti di coraggio, ma pura incoscienza!
      Nomi...aspetta e spera...sarà un casino tanto quanto trovare i padrini di battesimo!

      Elimina
  3. Evviva!!! Congratulazioni!!!!
    Che bella notizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! E' una bella notizia, sì, ma anche tanto spaventosa, seppur voluta.

      Elimina
  4. Ma che beo! Congratulazioni! Mi sento coraggiosa ad aver affrontato il secondo...tu per me sei un'eroina😍😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No macché eroina, sinceramente una volta superato lo scoglio dei due bambini è tutto in discesa!

      Elimina
  5. Pazza comare!
    Che dire: amore come se piovesse!
    Se non fossi così lontana verrei a darti un abbraccio stritolante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E casino come se piovesse...e rumore...e urla...e notti insonni...ancora mi hiedo ma perchè?!?!?!

      Elimina
  6. Credevo di avere già commentato ma sono fusa in questo periodo!
    Congratulazioni!!! State organizzando una bella combriccola di bambini 😅
    Io sono da sola con i 3 da novembre e un trasloco da organizzare per giugno, la tua vita in pratica, e vorrei scappare di casa! Complimenti per il coraggio di buttarti sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanti pat pat sulla spalla...almeno hai qualche nonno nei dintorni? Lo spero tanto per te!

      Elimina
  7. Ovviamente no, e ci trasferiamo ancora un po’ più lontani. Ma in caso di emergenza assoluta.. tipo mini in ospedale e i grandi che rischiano di essere abbandonati in strada, una nonna arriva ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah bè, proprio come noi...ormai per me è l'abitudine. Anzi da quando mia madre è in pensione e mio padre non c'è più, ho molto più aiuto perché lei accorre subito!

      Elimina
  8. Tantissimi auguri sono così contenta per te!

    RispondiElimina
  9. Ma che bellissima notizia!!!invidio quella che tu chiami pura incoscienza che in realtà è lasciare che prevalga ciò che conta davvero!
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah...vediamola così...non sono ancora del tutto convinta!

      Elimina

I commenti sono graditissimi, se firmati ancora di più!