venerdì 30 agosto 2013

Cominciamo dal viaggio a Zanzibar

Pian piano vi voglio aggiornare su tutto, quindi comincio dall'inizio. Vi avevo lasciato parlandovi dell'organizzazione del viaggio a Zanzibar perciò mi manca la parte più interessante, ossia com'è andata :)

Non comincerò dicendovi che è andato tutto bene, che non bisogna spaventarsi, che è stato tutto facile...soprattutto il viaggio è stato lungo e faticoso, ci sono stati momenti in cui mi sono chiesta "ma perchè?!?!? Rimini faceva così schifo?!?!?!", però alla fine ne è valsa la pena, tant'è che ancora la Belva continua a dirmi "Non siamo più a Zanzibar!" con faccino triste!!!
I momenti in cui ho riscontrato maggior difficoltà nostra e loro ad adattarsi è stato il viaggio di andata (anche se per la maggior parte del tempo hanno dormito) e gli spostamenti quando facevamo qualche escursione. Per il viaggio di andata credo che sia stata un mix di diversi fattori come gli orari assurdi (partenza aereo 3.30 del mattino!!! O.O) e il nostro non saper gestire questa nuova situazione per tutti; per quanto riguarda gli spostamenti con il furgoncino, invece, il problema era che i bimbi non erano legati, non c'erano ovviamente seggiolini nè cinture (e non ricrdatemi come guidavano...mettiamola così: a Napoli almeno c'è la segnaletica stradale!!!) e quindi ai nani non pareva vero di potersi muovere, un casino!!!!
Stesso problema con il mangiare, visto che seggioloni non esistevano, ma solo delle sedie un po' più alte e con il Vitellino che è nella fase "sto in piedi, cammino, mi muovo solo, che figataaaaa!!!!!!!" è stato un po' complesso, ma in fin dei conti si poteva fare.
Infine c'era sempre il momento di panico pre-cena dove stanchezza e fame ci facevano vedere i sorci verdi, fortuna che c'erano stuzzichini come aperitivo e la cantante che ha conquistato completamente la Belva, che essendo stata ben educata (...indovintate da chi?!?!) chiedeva canzoni tipo Sammarcanda, W la mamma, Obladì Obladà per la gioia di tutti che morivano dalle risate a vederla sul palco ad ascoltare rapita, se non addirittura a ballare.
Poi una volta presi i ritmi di tutti, dopo un paio di giorni, il resto è andato alla grande. Il posto era magnifico, il ritmo lento e tranquillo, le persone disponibilissime, io mi sono pure goduta un'escursione sola soletta alla scoperta delle spezie (si chiama mica per niente isola delle spezie), una mia passione, e cos'altro potevo fare nel mio primo vero pomeriggio sola da ormai quasi due anni se non un giretto ad annusasre e assaggiare spezie? I nani sono diventati ovviamente la mascotte di tutti, non erano i soli bimbi (c'era una bimba di 6 anni e un bimbo di 19 mesi), ma loro, biondi con gli occhi azzurri, in coppia, stagliavano nettamente come colori, ma anche caratterialmente: la loro voracità nel mangiare qualsiasi cosa, la loro voglia di tuffarsi in acqua, il loro sapersi adattare in tutte le situazioni ha spiccato in tutto e per tutto.
La cosa più bella è ascoltare la Belva che, a distanza di un mese, ancora ti chiede o racconta di quello che ha visto e sentito, cos'altro fare quindi se non guardare le foto e sognare insieme la prossima vacanza?

Just for info: io ho preso la cagarella del viaggiatore e sono rimasta due giorni ko :((( però poi gli altri tre si sono beccati il virus gastrointestinale al rientro a casa, durato almeno due settimane...chi ci è andato a perdere di più?! ;)

5 commenti:

  1. E a mald'Africa come siamo messi?!?!? :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò...pensavo peggio, ma forse io ho un fortissimo mal di Andalucia dopo i due anni vissuti lì che non mi permette sognare altro. Inoltre Zanzibar non è l'Arfica vera, diciamo che è edulcorata, ci sono case senza acqua ed elettricità, bimbi con gli occhioni che ti implorano per avere una maglietta, ma gli spazi e la vita stessa non è quello che si potrebbe incontrare chessò anche nella vicina Tanzania, non so se mi spiego.

      Vabbè, però sto già sognando il madagascar, il Kenia, il Senegal e chi più ne ha più ne metta, forse perchè sono malata di viaggi o forse perchè il virus è già entrato in circolo chi lo sa...

      Elimina
  2. Ehhh...io alla cagarella sono abbonata e come te riesco a prenderla sempre in viaggio!
    Ma poi riparto lo stesso!;)

    RispondiElimina
  3. Mi consigli Zanzibar con il mio bimbo di 11 mesi?mi lascia perplessa il discorso anti malarica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi, non l'abbiamo fatta, confidando nella stagione non umida (quindi con meno zanzare) e con il fatto di aver dormito in un resort, i quali notoriamente fanno degli interventi mirati.
      E' stato un rischio calcolato diciamo così...

      Elimina

I commenti sono graditissimi, se firmati ancora di più!