giovedì 27 maggio 2021

Quando lasci indietro una parte importante di te

Vivere di nuovo nella mia terra mia ha fatto tornare emozioni e desideri lasciati assopiti per più di 15 anni.

In primis lo sporcarmi le mani in giardino, nell'orto, oltre alla voglia di creare bellezza con quello che recupero. Voglio dare un senso a questa ristrutturazione, voglio far rivivere questa casa anche se poi sono conscia che rimarrà disabitata per la maggior parte del tempo fino a quando il Navigante continuerà a navigare.

Poi amo come stanno crescendo i miei figli, in mezzo al verde, alla natura, con gli amici che abitano nella casa accanto e che si possono incontrare nel parchetto dietro casa. La situazione attuale ha ovviamente bloccato un po' questo, ma rispetto alla vita frenetica di Roma, dove gli amici si incontravano alle feste di compleanno, è già un grossissimo passo avanti.

E infine, una nota dolce amara. Lo sport. Qui sono a contatto con i miei vecchi compagni di squadra, qui guardo le montagne innevate dalla finestra, qui ho agganci con gente che fa arrampicata o camminate in montagna o bicicletta. Il mio spirito estremo è pronto all'azione, ho in mente millemila modi per passare il tempo faticando e sudando, ma non posso né voglio dover chiedere tempo e denaro alla mia famiglia. Perché?

Eeeeh...il perché io lo so perfettamente. La mia paura è che se mi buttassi in qualche attività del genere  annullerei la mia famiglia, dovrei dimenticarmi di avere figli (che da quando sono mamma la paura di farmi qualcosa è tanta). dovrei incastrare quello che mi piace con quello che devo fare. Sarebbe una lotta che non so se sono in grado di portare avanti a quasi 40 anni. Dopo tutti questi anni continuo ad avere la mia vecchia me e la mia nuova me completamente separate e non riesco a trovare il modo di renderle uniche, di mescolarle almeno un po'. E la cosa mi destabilizza non poco.

6 commenti:

  1. Credo che le cose possano convivere, ma forse non ho capito bene il post
    Nia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che possano convivere, non sono sicura di riuscirci io.

      Elimina
  2. Mah, a volte mi trovo nella tua stessa situazione: vorrei fare molte cose che richiedono molto tempo (a volte anche in altri luoghi) che sottraggo alla famiglia e quindi...Boh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa che più mi spaventa in verità è magari dover rendermi conto che queste "cose" diventino più importanti della famiglia!

      Elimina
  3. quando ho avuto la prima figlia ho smesso di sciare, e mi piaceva tantissimo, ma ero spericolata e rischiavo ogni volta di farmi male x davvero, e ogni tanto qualche osso l'ho rotto.
    poi ho pensato: se mi faccio male chi sta dietro a mia figlia? e mi sono venuti i sudori freddi e ho smesso
    quindi, ti capisco benissimo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma siamo un po' tutti sulla stessa barca mi sa...

      Elimina

I commenti sono graditissimi, se firmati ancora di più!